facebook rss
Le Interviste
  • Il sogno dell’editore Marco Corradi: «Un Piceno all’altezza della sua storia»

    ASCOLI – «La cultura genera da sempre attività imprenditoriali, pensi alle botteghe dei grandi maestri dell’arte molte delle quali erano vere e proprie imprese. Il periodo che stiamo vivendo ha messo a dura prova il settore nel suo complesso che ancora è il meno considerato di tutti, ma al di là della situazione contingente, sono convinto che la cultura sia una parte sempre più importante della nostra economia»

    15 Aprile 2021
  • Fabio Bracchi: «Un “SistemAscoli” aggregante per diventare Capitale della cultura 2024»

    ASCOLI – L’imprenditore: «Sogno un Piceno che viva veramente di cultura e turismo, sarebbe possibile se ci credessimo tutti un po’ di più. Mi auguro che si capisca quanto è importante il “fare squadra”, soprattutto in un territorio piccolo come il nostro nel quale non può esserci spazio per individualismi e protagonismi»

    8 Aprile 2021
  • Stefano Papetti: «Per l’Italia, e per il Piceno, la cultura rappresenta un volano economico non trascurabile»

    ASCOLI – Il docente universitario: «Vorrei un Piceno servito da infrastrutture adeguate e moderne, connesso con il resto del mondo e soprattutto più amato dai suoi stessi abitanti che spesso non si rendono conto della bellezza dei luoghi in cui vivono. Lo vorrei più consapevole della propria storia che si nutre di arte e di bellezza, ma soprattutto lo vorrei sempre orgoglioso e mai rinunciatario»

    1 Aprile 2021
  • Contisciani: «Il rilancio del Piceno passa dalla valorizzazione del patrimonio naturale, storico-culturale ed enogastronomico»

    ASCOLI – Il presidente del Bim Tronto: «Una criticità è quella viaria e infrastrutturale che porta all’isolamento del nostro territorio: dobbiamo tornare al centro delle politiche regionali, dopo anni di disattenzione e miopia. Occorre fare rete, è di vitale importanza. Qualche segnale, da questo punto di vista, c’è e ne sono molto contento»

    25 Marzo 2021
  • Yuri Gaspari: agevolare chi crea posti di lavoro, dall’artigianato all’industria, dal commercio ai servizi

    ASCOLI – Il giovane imprenditore ascolano: «Viviamo in un territorio nel quale sicurezza, ambiente, paesaggio e cordialità non mancano: vorrei fosse un luogo dove giovani, famiglie, anziani, ma anche universitari, turisti o residenti saltuari possano trovare condizioni di vita più favorevoli grazie a lavoro, eventi attrattivi, spazi pubblici e residenze consoni alla nostra contemporaneità. Dobbiamo guardare alle best-practices, a chi ha fatto, coinvolgendo menti ed eccellenze, nazionali e non»

    18 Marzo 2021
  • Simone Mariani: «Il capitale umano è il valore aggiunto di questa nuova era»

    ASCOLI – Il presidente di Confindustria Centro Adriatico vede il Piceno come uno smart-land integrato e interconnesso, fondato sulle competenze, calamita per nuove iniziative imprenditoriali e volano per l’occupazione: «Un Piceno da costruire muovendoci uniti, concentrando le prossime risorse comunitarie per creare alleanze strategiche, network tra i nodi d’eccellenza e tutte le altre imprese; investendo più e meglio in nuove tecnologie, coniugando l’innovazione con la sostenibilità ambientale»

    11 Marzo 2021
  • Achille Buonfigli: «Corsi online gratuiti di marketing digitale per i commercianti»

    ASCOLI – Il presidente del Consorzio Universitario Piceno: «La pandemia ci costringerà a percorrere strade nuove: c’è bisogno di un Piceno che studia, che pensa e che sa interpretare il passato per andare avanti; che non teme il cambiamento e che sa produrre nuovi saperi. Un Piceno in cui l’eredità storica, culturale, monumentale non è un vincolo nè un recinto in cui vivere ma una ricchezza che spinge a camminare con determinazione verso il futuro»

    4 Marzo 2021
  • Gino Sabatini: «E’ necessario ripartire dai giovani e dai territori»

    IL PICENO e la voglia di rinascere cambiando. Ecco la ricetta del presidente della Camera di commercio unica delle Marche. «Deve esser riequilibrato il rapporto tra costa ed entroterra. Ed è necessario che il cambiamento sia supportato da politiche locali, regionali, nazionali, europee più incisive e da un sistema del credito che non si limiti agli algoritmi»

    25 Febbraio 2021
  • Il rettore Gregori lancia l’allarme: «Fermiamo il calo demografico»

    L’ECONOMISTA ascolano: «Il progressivo invecchiamento della popolazione comporta un indebolimento del tessuto sociale ed economico. Dobbiamo far rimanere i giovani e attrarne da fuori. Serve una strategia di sviluppo per far ripartire le attività economiche e creare posti di lavoro». Università, ruolo decisivo: «Abbiamo aumentato il numero di posizioni nel corso di Infermieristica ad Ascoli, stiamo lavorando con Unicam e Cup per portare in città Fisioterapia e Sistemi Agricoli Innovativi»

    18 Febbraio 2021