Cronache Picene https://www.cronachepicene.it La tua provincia in rete Sun, 20 Jan 2019 10:04:23 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.0.3 Piattoni in festa, mille fedeli per l'apertura della nuova chiesa (Foto e video) https://www.cronachepicene.it/2019/01/20/piattoni-in-festa-mille-fedeli-per-lapertura-della-nuova-chiesa-foto-e-video/92565/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/20/piattoni-in-festa-mille-fedeli-per-lapertura-della-nuova-chiesa-foto-e-video/92565/#respond Sun, 20 Jan 2019 10:04:23 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92565

di Claudio Felicetti 

Comunità lamense in festa per la dedicazione e la consacrazione della nuova chiesa parrocchiale del Santissimo Crocifisso a Piattoni, aperta al culto sabato 19 gennaio con una cerimonia religiosa presieduta dal vescovo Giovanni D’Ercole e con la concelebrazione della prima messa.

Il vescovo D'Ercole in preghiera all'esterno della nuova chiesa

«In questa chiesa ci vorrà una statua di San Giuseppe -ha detto il vescovo al termine della lunga cerimonia, quasi a voler sottolineare il grande impegno richiesto per portare a termine l’opera dopo dieci anni- perché proprio dopo una novena di San Giuseppe siamo riusciti ad avere cospicui finanziamenti dalla Commissione episcopale italiana e da altri».
Alle 16, nella piazza-sagrato dove si era riunita tutta la comunità parrocchiale, il vescovo D’Ercole, con accanto il parroco don Luigi Nardi e una quindicina di sacerdoti, ha iniziato la funzione religiosa preliminare, al termine della quale ha ricevuto in dono dal progettista della struttura, l’architetto parmense Marco Contini, e dal direttore dei lavori, l’ingegnere lamense Giustino Di Emidio, i disegni dell’opera. Il vescovo, a sua volta, ha donato a don Luigi la chiave simbolica del nuovo tempio, dopodiché il parroco ha aperto le porte d’ingresso per accogliere quasi un migliaio di fedeli.

L'interno

Nella sua omelia, il vescovo ha prima ringraziato il compianto parroco don Giovanni Marcozzi, l’ex parroco don Nazzareno Gaspari e l’attuale don Luigi, poi il vescovo Silvano Montevecchi («ho continuato la sua opera»), l’economo della diocesi don Beniamino Ricciotti e infine i tecnici e gli operai. «Ora tocca a voi -ha detto D’Ercole rivolto ai fedeli- questa chiesa non deve diventare un museo, ogni pietra dovrà essere viva e quindi questa dovrà essere una chiesa viva. Poi dovrà essere il luogo della gioia. Ho voluto fare un dono a don Luigi -ha concluso il vescovo- ho scelto la pisside, la chiave del tabernacolo col portachiave per ricordare la presenza di Cristo nella celebrazione dell’Eucarestia. La nostra comunità deve essere la famiglia di Dio».

Il vescovo ha poi consacrato e unto l’altare con il crisma. Prima della fine della messa, il parroco don Luigi ha voluto ringraziare quanti hanno contribuito alla realizzazione dell’opera. «A chi mi chiedeva quando avremmo finito la chiesa -ha esordito- rispondevo sempre "Se Dio vuole e con il suo aiuto". Grazie a Dio, ce l’abbiamo fatta. Devo ringraziare anche tutti coloro che hanno prestato il loro ingegno e la loro opera per la realizzazione del nuovo complesso parrocchiale, in particolare il vescovo Montevecchi e il parroco don Giovanni, dal quale era partita l’idea, che non sono più tra noi. Il merito più grande -ha poi sottolineato il parroco, commosso e provato dalla fatica- è del nostro vescovo, che ha compiuto un vero miracolo con la Cei». «Non ho fatto altro che il mio dovere» ha ribattuto D’Ercole. Infine, un grande ringraziamento a don Nazzareno («l’ottanta per cento è merito suo», a don Beniamino («che ha spianato la strada per Roma», al liturgista don Mario Cataldi («per la disposizione dell’arredo sacro») e ai tecnici tutti. Elogi sentiti infine allo scultore ascolano Giuliano Giuliani, che ha realizzato fonte battesimale, ambone, altare e tabernacolo, opere in travertino che spiccano per la loro ammirabile essenzialità all’interno della struttura a pianta ellittica.

Da parte sua, don Nazzareno ha donato alla parrocchia una croce realizzata con le travi recuperate in un edificio della zona montana distrutto dal terribile terremoto del 2016. Al termine della messa, all’interno dell’altare è stato inserito il verbale della cerimonia con le firme di vescovo, tecnici e del sindaco Mauro Bochicchio.
La festa continuerà domenica 20 gennaio alle 18,30, con l’esibizione del “Coro delle Ville” diretto dal maestro Stefania Pulcini. In programma brani della “Missa brevis” di De Haan, il “Va’ pensiero” di Verdi, l’Inno alla Gioia di Beethoven, l'Ave Verum di Mozart. Aprirà il concerto il “Piccolo Coro delle Ville”, gruppo vocale formato dai bambini della scuola primaria.

 

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/20/piattoni-in-festa-mille-fedeli-per-lapertura-della-nuova-chiesa-foto-e-video/92565/feed/ 0 Luca Capponi
Riciclo e fantasia, l'obiettivo è "rifiuti zero" https://www.cronachepicene.it/2019/01/20/riciclo-e-fantasia-lobiettivo-e-rifiuti-zero/92459/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/20/riciclo-e-fantasia-lobiettivo-e-rifiuti-zero/92459/#respond Sun, 20 Jan 2019 09:29:37 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92459

Studenti, insegnanti, volontari, amministrazione comunale e gestore del ciclo dei rifiuti: tutti insieme per imparare a ridurre i rifiuti e rispettare l’ambiente. Riparte a Castignano - primo Comune della Provincia di Ascoli Piceno che ha adottato la strategia "rifiuti zero"- il percorso di educazione ambientale nelle scuole, con un fitto programma di incontri, giochi, riciclo creativo e visite guidate.

Bimbi al lavoro in classe

Nella mattinata di sabato 19 gennaio i bambini delle elementari hanno fatto nuovi passi verso l'obiettivo rifiuti zero, durante l’incontro "Ogni fine è un buon inizio": i rifiuti in natura non esistono, ci sono i produttori (piante), i consumatori (animali) e i decompositori (funghi, batteri) di sostanza organica che si nutrono di organismi morti o di loro parti, trasformandoli in sostanze che possono essere utilizzate nuovamente dai produttori per costruire altra materia vivente. Quello che non serve più a un organismo o quel che resta di esso è utile per altri. La natura ricicla tutto. L’essere umano, invece, ha la capacità di produrre rifiuti in grande quantità e non tutti riutilizzabili da altri organismi né tantomeno facilmente digeribili dalle forze della natura. Allora l’uomo deve imparare a eliminarli, attraverso il riuso, il riciclo e la raccolta differenziata.

Il FruttAlbum

Ad esempio, con 500 lattine si costruisce 1 bicicletta, con 15 bottiglie di plastica si realizza 1 maglione in pile, con 13 scatolette in metallo si fabbrica 1 pentola, 9 scatoloni su 10 sono prodotti con cartone riciclato e… ancora molto altro. Se quindi il rifiuto si crea quando vengono mescolate le cose che non servono più, si può imparare a tenere divisi i prodotti: se le mani dividono gli scarti, i rifiuti spariscono e diventano materie preziose che si possono usare di nuovo. Allora si possono donare ad altre persone mobili e attrezzature che non servono, come ad esempio passeggini, armadi, giocattoli, vestiti e molto altro. Oppure, con un po’ di fantasia, creare nuovi oggetti e ridare una vita ai materiali che non vengono usati. Per questo i bambini hanno creato delle bamboline con i rotoli della carta igienica finita e hanno fatto il gioco della dama con una scacchiera di carta vecchia e tappi di bottiglia.
A salutare i piccoli è venuto anche il sindaco, Fabio Polini, che ha ricordato di non buttare le cose per terra, perché poi finiscono nei fiumi e nei canali, che li portano al mare. PicenAmbiente ha regalato ad ogni bambino un FruttAlbum da disegno, realizzato con carta colorata usando alghe, scarti di agrumi, kiwi, olive e fondi di caffè. La marcia continua sabato 2 febbraio con i ragazzi delle scuole medie al Teatro comunale di Castignano.

Il sindaco Polini parla ai ragazzi

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/20/riciclo-e-fantasia-lobiettivo-e-rifiuti-zero/92459/feed/ 0 Luca Capponi
Atletico Azzurra Colli, vittoria di rigore (1-0) sul Potenza Picena https://www.cronachepicene.it/2019/01/20/atletico-azzurra-colli-vittoria-di-rigore-1-0-sul-potenza-picena/92552/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/20/atletico-azzurra-colli-vittoria-di-rigore-1-0-sul-potenza-picena/92552/#respond Sat, 19 Jan 2019 23:18:05 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92552

Un penalty trasformato da Nardini una manciata di secondi prima dell'intervallo si è rilevato decisivo nel match giocato al Comunale di Colli del Tronto tra la squadra di Fanì e gli ospiti di mister Zannini.

Fanì, allenatore dell'Atletico Azzurra Colli

Il Potenza Picena al 9' della ripresa è andato vicina al pari, ma la botta di Onorati si è stampata sulla traversa. Se l'attaccante fosse stato più fortunato, la partita avrebbe sicuramente preso un'altra piega. Lo stesso Onorati non ha poi concluso la gara, espulso nel finale così come Stangoni. Le due squadre sono quindi giunte in dieci al fischio finale.

ATLETICO AZZURRA COLLI (4-3-3): Camaioni, Fioravanti (45'st Lombardi), Tommasi, Cucco, Stangoni, Alijevic, Zahraoui, Croce, Di Simplicio (40'st Piergallini), Nardini, Spinelli (8'st Alfonsi). Allenatore: Fanì.

POTENZA PICENA (4-4-2): Natali, Monaco, De Fazio (23'st Foglia), Yaya, Pepa, Ionni, Vecchione (21'st Santavenere), Micheli (8'st Tomassini), Marcantoni, Mercuri (38'st Cotronè), Onorati. Allenatore: Zannini.

Arbitro: Braconi di Ancona (assistenti Caporaletti e Pizzuti di Macerata).

Rete: 45’pt Nardini su rigore.

 

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/20/atletico-azzurra-colli-vittoria-di-rigore-1-0-sul-potenza-picena/92552/feed/ 0
Samb, la gioia di Miceli: «Ho pescato il jolly» Fedeli cerca partner in Riviera https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/samb-la-gioia-di-miceli-ho-pescato-il-jolly-fedeli-cerca-partner-in-riviera/92527/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/samb-la-gioia-di-miceli-ho-pescato-il-jolly-fedeli-cerca-partner-in-riviera/92527/#respond Sat, 19 Jan 2019 22:58:07 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92527

Il presidente Franco Fedeli nella sala stampa del "Riviera" subito dopo il 2-1 sul Teramo (Foto Cicchini)

di Benedetto Marinangeli

E’ una rovesciata del difensore Mirco Miceli a regalare la vittoria alla Samb sul Teramo. «Ho pescato il jolly - dice il centrale rossoblù - e voglio dedicare questo gol alla mia fidanzata e a Davide Di Pasquale che sta in via di riabilitazione dopo l’operazione al ginocchio. Per un ragazzo del ’96 è sempre un momento difficile e per questo motivo la dedica è anche per lui. Su un fallo laterale, la palla è rimasta lì con l’estinto che mi ha portato a fare quel gesto tecnico. E poi la corsa sotto la curva nord. Tutto è stato fantastico. Però è stato più bello il gol di Stanco che ci ha permesso di pareggiare. Dopo un primo tempo non esaltante nella ripresa ci siamo espressi meglio riuscendo a rimontare il passivo. Sulla rete del Teramo Sparacello ha fatto uno sponda che ci ha colto impreparati permettendo a De Grazia di presentarsi da solo dinanzi a Pegorin. E’ vero siamo al sesto posto in classifica ma la strada è ancora lunga. Ora pensiamo al match con la Vis Pesaro di martedì e poi alla gara interna di sabato prossimo con la Giana Erminio».

I tifosi prima del fishio d'inizio di Samb-Teramo (Foto Cicchini)

E’ soddisfatto il presidente Franco Fedeli. «La vera Samb - commenta - è quella del secondo tempo. Quando giochiamo con tecnica e grinta non ce n’è per nessuno. Non era facile riprendere la partita a sette minuti dalla fine anche perché al gol del Teramo mi sono cadute le braccia. Ho pensato che non era giusto se perdevamo la partita. Nell’ù intervallo, dopo tanto tempo, sono tornato negli spogliatoi ed ho parlato con Roselli che poi ha cambiato il volto alla partita. Un bravo va al nostro allenatore, ma anche ai tifosi che non hanno esploso alcun petardo lasciando questo compito ai teramani. Ora andiamo avanti e puntiamo a fare un bel campionato».

Fedeli, poi, si lancia anche ad una considerazione a livello societario. «Ho bisogno di una figura  che mi dia una mano nella gestione della Samb anche a livello economico, ora che mio figlio non viene più in Riviera. Se  qualcuno ne ha voglia, è il benvenuto. Un messaggio che ho lanciato da tempo ma che nessun sambenedettese ha recepito. Anzi oggi avevo un appuntamento con una persona che neppure si è presentata».

Giorgio Roselli a fine gara (Foto Cicchini)

Tocca, poi, a Giorgio Roselli presentarsi dinanzi a microfoni e taccuini. «Nel primo tempo abbiamo sofferto –commenta- anche se la migliore occasione per passare in vantaggio l’abbiamo avuta noi. Le gambe però non giravano, mentre le cose sono andate decisamente meglio nel secondo tempo. Sul gol del Teramo abbiamo commesso un errore a meta campo ma siamo stati bravi a non perdere la testa riuscendo a ribaltare il risultato. La classifica non la guardo. Non l’ho fatta quando eravamo ultimi in classifica e non lo faccio ora. Purtroppo Cecchini si è infortunato, riportando una piccola distorsione al ginocchio. Domani farà la risonanza e speriamo che non sia nulla di grave. Salterà comunque la gara di Pesaro di martedì prossimo».

Grande delusione, invece, in casa Teramo. «E’ stata una bella serata per la Samb - è il diesse Sandro Federico che parla - ma brutta per noi. Non meritavamo la sconfitta soprattutto per il volume di gioco che abbiamo espresso. Ad un certo punto, poi, dopo il gol di De Grazia avevamo la partita in mano. Ma poi abbiamo commesso un’ingenuità sul cross di Russotto per Stanco che ai rossoblù è valso il pareggio. Poi ecco il gol di Miceli che ci ha condannato. Dobbiamo ripartire da questa buona prestazione ed essere più attenti nelle fasi cruciali del match. Il Teramo è una squadra giovane che in questo campionato può dire la sua. Un progetto nuovo di valorizzazione dei giovani. Ci manca qualche punto ed anche oggi li meritavamo. Oggi è stato uno spot per il calcio. E’ stata una bella partita ma purtroppo abbiamo perso».

Prima della gara Federico si è incontrato con il presidente Franco Fedeli. Tra i due non sono mancate le polemiche dopo l’esonero nella stagione 2016-2017. «Abbiamo fatto la pace, stringendoci la mano - dice il diesse abruzzese - ed ora stop alle polemiche», anche se il patron rossoblù non è poi parso così convinto.

Tocca, poi, al tecnico Agenore Maurizi. «E’ difficile - commenta - dare una spiegazione su cosa è accaduto nei minuti finali. La partita nel primo tempo è stata estremamente combattuta con molti falli e poche occasioni. La ripesa è stata invece molto bella con la Samb che ha spinto di più ma noi siamo stati compatti ed abbiamo colpito con una bella ripartenza. Gli episodi, poi, sono stati decisivi sulle due reti dei marchigiani. Il gol vittoria di Miceli è stato anche fortunoso perché arrivato da una rimessa laterale. Ho inserito Giorgi per dare maggiore esperienza ma i rossoblù sono riusciti a ribaltare il risultato. Lo ripeto abbiamo disputato una bella partita, intensa, cattiva mi dispiace per la sconfitta. Il rammarico c’è perché non abbiamo saputo gestire il vantaggio. Ora pensiamo alla prossima quando al Bonolis affronteremo l’ Imolese».

Ed infine ecco il parere del centrocampista Matteo Proietti. «C’è tanto amaro in bocca per il modo in cui abbiamo incassato le reti della Samb negli ultimi dieci minuti. Siamo stati ingenui ma bisogna dire che i marchigiani ci hanno sempre creduto. Ma i demeriti maggiori sono i nostri. Abbiamo tenuto botta fino al nostro gol per poi gestire discretamente bene il risultato. Ma nel momento in cui i rossoblù stavano calando abbiamo concesso l’episodio del pareggio. Nel primo tempo abbiamo gestito meglio la palla, mentre nella ripresa  siamo andati in difficoltà perché ci siamo abbassati troppo. Sono dispiaciuto perché abbiamo disputato una buona gara ma purtroppo il risultato è negativo. Non sempre chi gioca bene vince perché, poi, ci sono gli episodi che cambiano il volto ad una partita».

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/samb-la-gioia-di-miceli-ho-pescato-il-jolly-fedeli-cerca-partner-in-riviera/92527/feed/ 0 Benedetto Marinangeli
Bomba day in treno, raffica di cancellazioni: l’elenco delle modifiche https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/bomba-day-in-treno-raffica-di-cancellazioni-lelenco-delle-modifiche/92535/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/bomba-day-in-treno-raffica-di-cancellazioni-lelenco-delle-modifiche/92535/#respond Sat, 19 Jan 2019 22:29:16 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92535

Il Bomba day di Ancona paralizzerà per alcune ore la linea ferroviaria con i treni regionali tra Falconara e Ancona e tra Ancona e Varano che saranno cancellati dalle 8,30 fino alle 19. Una raffica di cancellazioni e limitazioni anche per i treni a lunga percorrenza. La stazione di Ancona sarà chiusa. Il tutto è necessario per consentire le operazioni di rimozione del residuato bellico che costringerà migliaia di persone a lasciare la propria casa. Domani però sarà un problema anche mettersi in viaggio con i treni. I passeggeri in partenza da Ancona possono recarsi nella stazione di Falconara, dove troveranno treni diretti a nord, o nella stazione di Loreto, dove troveranno treni diretti a sud. «Per garantire la mobilità saranno a disposizione autobus sostitutivi tra le stazioni di Falconara e Varano/Loreto – scrive Trenitalia –. A causa della contemporanea sospensione del traffico stradale, gli autobus sostitutivi non effettueranno la fermata ad Ancona. Gli autobus fermeranno nei piazzali antistanti le stazioni». I treni a lunga percorrenza saranno limitati a Falconara, Loreto, Civitanova e Pescara. Saranno cancellati tra Falconara e Ancona e tra Ancona e Varano, ad eccezione – comunica Trenitalia – del Rv 11528 che parte alle 7,42 da Ancona e arriva a Piacenza alle 12,10.

Di seguito una sintesi delle modifiche annunciate da Trenitalia sul proprio sito (QUI IL LINK CON TUTTI I DETTAGLI)

TRENI DA SUD A NORD – Cancellati da Loreto 5 Frecciabianca in partenza dalla Puglia (tra le 5,32 e le 10,19) con autobus sostitutivi in partenza da Loreto o Falconara. Il Frecciarossa delle 6,35 da Bari è cancellato da Bari a Bologna, ci sarà un nuovo treno da Bologna con partenza alle 12,15. Il Frecciabianca che parte alle 11,06 da Taranto si fermerà a Loreto. Altri treni attenderanno il termine delle operazioni di disinnesco. Gli Intercity: alcuni saranno limitati a Pescara o Civitanova o Falconara. Quello in partenza alle 10,05 da Lecce sarà cancellato da Pescara a Milano, quello che parte alle 10,27 da Taranto sarà cancellato da Civitanova a Falconara e sostituito da un bus.

DA NORD A SUD – Anche qui raffica di cancellazioni per le Frecce. A cominciare dal Frecciabianca che parte alle 6,55 da Venezia che sarà cancellato a Falconara con bus sostitutivo fino a Loreto. Il Frecciabianca da Milano delle 7,35 sarà limitato a Falconara e da Loreto ci sarà un nuovo treno. Cancellato da Bologna a Lecce il Frecciarossa che parte alle 9,20 da Torino Porta nuova. Il Frecciabianca da Milano a Tarano delle 10,35 sarà cancellato da Rimini a Loreto e ci sarà un bus sostitutivo. Stop a Falconara per il Frecciabianca da Milano delle 11,35. Cancellato da Milano a Loreto il Frecciabianca delle 12,35 da Milano. Il convoglio avrà origine da Loreto con partenza alle 16,47. Limitato a Rimini il Frecciabianca in partenza da Milano alle 13,35, da Loreto avrà origine un altro treno. I convogli Frecciabianca (da Venezia delle 14,55) e Frecciarossa (delle 15,45 da Milano) attenderanno invece il termine delle operazioni di disinnesco. Per quanto riguarda gli Intercity sarà cancellato a Falconara e fino a Civitanova il Milano-Taranto in partenza alle 7.05. Ci sarà un bus sostitutivo. Limitati a Falconara i convogli in partenza da Bologna alle 8, alle 12 e alle 14. Cancellato da Ancona a Falconara l’intercity per Roma delle 15,30, il treno avrà origine a Falconara alle 15,41. L’Intercity da Bologna delle 16 attenderà il termine delle operazioni.

ELENCO BUS SOSTITUTIVI – Trenitalia segnala che da Ancona a Falconara sarà attivo un bus sostitutivo con partenza alle 8,15 da Ancona e arrivo alle 8,27. Da Varano a Falconara: bus sostitutivi alle 11,30, alle 14, alle 16,04 e alle 17,19.

 

Partite le operazioni per il “Bomba day”: via ai trasporti speciali di anziani e disabili PalaRossini allestito con letti ed ossigeno

“Bomba day”, inizia la distribuzione dei volantini multilingua per evacuare la zona rossa

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/bomba-day-in-treno-raffica-di-cancellazioni-lelenco-delle-modifiche/92535/feed/ 0 Andrea Ferretti
Frontale allo svincolo Ancona Sud, gravemente ferito 37enne ascolano https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/frontale-allo-svincolo-ancona-sud-gravemente-ferito-37enne-ascolano/92525/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/frontale-allo-svincolo-ancona-sud-gravemente-ferito-37enne-ascolano/92525/#respond Sat, 19 Jan 2019 22:23:03 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92525

Un ascolano di 37 anni, B.A., è tra i tre feriti dell'incidente stradale avvenuto nel tardo pomeriggio all'altezza dello svincolo autostradale di Ancona Sud, zona Aspio. Due automobili, una delle quali condotta dal 37enne, sono entrate in collisione semi-frontale, dai primi accertamenti sembra dopo che una selle vetture ha azzardato una pericolosissima inversion di marcia. Immediato l'intervento delle ambulanze del 118, dei Vigili del fuoco di Ancona e dei Carabinieri di Camerano.

Le due auto coinvolte sono una Fiat Stilo e una Fiat Panda. Oltre all'ascolano, sono rimasti feriti anche il trentenne L.C. di Colonnella (Teramo) e una ragazza che viaggiava a bordo di una delle due auto. Dopo le prime cure prestate sul posto dai sanitari, tutti e tre sono stati trasportati dalle ambulanze della Croce Gialla di Camerano all'ospedale regionale di Torrette. Al Pronto Soccorso sono giunti tutti e tre in codice rosso, ma nessuno corre pericolo di vita. I pompieri hanno poi provveduto a mettere in sicurezza sia le due auto (semi distrutte dopo il terribile impatto) che il tratto di strada dove è avvenuto lo scontro.

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/frontale-allo-svincolo-ancona-sud-gravemente-ferito-37enne-ascolano/92525/feed/ 0 Andrea Ferretti
Brescia, prova di forza sul Pescara: il Palermo è a -2 https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/brescia-prova-di-forza-sul-pescara-il-palermo-e-a-2/92522/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/brescia-prova-di-forza-sul-pescara-il-palermo-e-a-2/92522/#respond Sat, 19 Jan 2019 22:00:06 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92522

di Andrea Ferretti

Dopo il botto di Palermo, arrivano il blitz del Brescia a Perugia e il pari nel derby giallorosso del sud che era anche uno scontro diretto. La Salernitana stende la capolista (1-2) alla "Favorita", Lecce e Benevento non si fanno male (1-1). A questi due risultati vanno aggiunti la vittoria corsara (0-2) del Foggia a Carpi e l'occhiale tra Crotone e Cittadella. A Palermo gioisce la Salernitana grazie al gol di Casasola nell'extratime finale dopo il vantaggio rosanero con Jajalo e il pari di Andrerson. Il risultato permette ai campani di lasciare l'Ascoli - in attesa della gara di Cosenza - a quota 24. A Lecce tutto nella ripresa: 1-0 Mancosu e 1-1 Coda. Per il Foggia a Carpi, invece, doppietta di Iemmello. Stando alle voci di mercato, che continueranno a rincorrersi fino al 31 gennaio, figurarsi se Benevento e Foggia possano mai pensare di liberarsi di due attaccanti del calibro di Coda e Iemmello, entrambi avvicinati anche all'Ascoli. A proposito di attaccanti chi poteva decidere la vittoria del Brescia al "Curi" se non il capocannoniere della B, Donnarumma, che alla prima di ritorno tocca già a quota 15? L'altro gol porta la firma di Torregrossa: 7 in 14 presenze, quasi il doppio dei due capocannonieri dell'Ascoli Ardemagni e Brosco (4 ciascuno). Tra le gare della domenica ci sono l'interessante derby veneto tra Padova e Verona - con gli scaligeri ancora alla ricerca di un definitivo salto di qualità - e la sfida che il Pescara lancia alla Cremonese all'Adriatico.

Donnarumma del Brescia: 15 gol in 16 partite

LE PARTITE DELLA PRIMA GIORNATA DI RITORNO

Venerdì 18 gennaio ore 21: Palermo-Salernitana 1-2

Sabato 19 gennaio ore 15: Lecce-Benevento 1-1, Crotone-Cittadella 0-0, Carpi-Foggia 0-2

Sabato 19 gennaio ore 18: Perugia-Brescia 0-2

Domenica 20 gennaio ore 15: Cosenza-Ascoli, Padova-Verona

Domenica 20 gennaio ore 21: Pescara-Cremonese

Lunedì 21 gennaio ore 21: Spezia-Venezia

Riposa: Livorno

LA CLASSIFICA: Palermo 37 punti, Brescia  35, Pescara 32, Lecce 31, Verona e Benevento 30, Cittadella e Salernitana 27, Spezia e Perugia 26, Ascoli 24, Cremonese 22, Venezia 21, Cosenza 19, Carpi 17, Foggia 16, Livorno 15, Crotone 14, Padova 12.

I MARCATORI

15 gol Donnarumma (Brescia)

12 gol Mancuso (Pescara)

9 gol Coda (Benevento)

8 gol Pazzini (Verona)

7 gol Vido (Perugia), Torregrossa (Brescia)

6 gol La Mantia e Mancosu (Lecce), Nestorovski (Palermo), Palombi (Lecce), Verre (Perugia) Diamanti (Livorno)

5 gol Bocalon (Salernitana), Bonazzoli (Padova), Di Mariano (Venezia), Finotto (Cittadella), Okereke (Spezia), Tutino (Cosenza)

4 gol Ardemagni e Brosco (Ascoli), Casasola (Salernitana), Falco (Lecce), Giannetti (Livorno), Iemmello e Mazzeo (Foggia), Morosini (Brescia), M. Ricci e Pierini (Spezia), Schenetti e Strizzolo (Cittadella), Kragl (Foggia), Trajkovski (Palermo), Firenze e Kwankwo (Crotone)

3 gol Cavion (Ascoli), Bandinelli e Insigne (Benevento), Bartolomei (Spezia), Bisoli (Brescia), Capello e Cappelletti (Padova), Citro (Venezia); Vitale, Pucino e Di Tacchio (Salernitana), Budimir (Crotone), Di Carmine (Verona), Jelenic (Carpi), Iori (Cittadella), Gerbo (Foggia), Maniero (Cosenza), Melchiorri (Perugia), Brugman e Monachello (Pescara), Piccolo e Mogos (Cremonese), Mokulu (Carpi); Falletti, Moreo e Puscas (Palermo)

2 gol Asencio, Improta e F. Ricci (Benevento), Baclet (Cosenza); Castrovilli, Terranova, Paulinho e Brighenti (Cremonese), Ganz e Ninkovic (Ascoli); Clemenza, Mazzocco, Cappelletti e Ravanelli (Padova); Loiacono, Tonucci, Deli, Galano, Camporese e Cicerelli (Foggia), Ryder Matos e Caracciolo (Verona); Pasciuti, Vano e Concas (Carpi), Bentivoglio (Venezia); Cocco, Del Sole e Gravillon (Pescara), Rosina (Salernitana), Scavone e Tabanelli (Lecce), Raicevic (Livorno); Galabinov, Gyasi e Crimi (Spezia), Henderson e Zaccagni (Verona), Kouan (Perugia), Jajalo, Rajkovic e Salvi (Palermo), Tremolada (Brescia)

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/brescia-prova-di-forza-sul-pescara-il-palermo-e-a-2/92522/feed/ 0
Valdichienti-Atletico Ascoli, pareggio (3-3) e rammarico sul campo della capolista https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/valdichienti-atletico-ascoli-pareggio-3-3-e-rammarico-sul-campo-della-capolista/92517/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/valdichienti-atletico-ascoli-pareggio-3-3-e-rammarico-sul-campo-della-capolista/92517/#respond Sat, 19 Jan 2019 21:34:54 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92517

Festa Atletico Ascoli dopo il gol del 2-3 segnato da Coccia: sembrava fatta

di Michele Carbonari

Spettacolo a Villa San Filippo. Termina 3-3, come all’andata, lo scontro diretto tra la capolista Valdichienti Ponte e l’inseguitrice Atletico Ascoli, in un match ricco di emozioni e che di certo ha divertito gli spettatori presenti. Nel primo tempo Severini timbra il primo centro con la nuova squadra, nella ripresa il resto dei gol. Dopo trenta secondi De Marco trova il pareggio, poi Marconi firma il 2-1. I piceni ribaltano il risultato trascinati da Giovannini e Coccia, anche grazie all’uomo in più (espulso Marcaccio per aver interrotto la chiara occasione da gol di Gassama). Il cuore del Valdichienti Ponte batte forte e lo dimostra l’eurogol di Lattanzi, che quasi allo scadere riesce a riprendere il meritato pareggio. Le due squadre restano quindi ancora separate da due punti, seppur gli uomini di Giandomenico hanno ancora una partita da recuperare (a Camerino il 13 febbraio).

L'esultanza del Valdichienti dopo il 3-3 finale

LA CRONACA - La partita è ricca di emozioni, fin dall’inizio. Al 6′ gol annullato a Giovannini per una posizione di fuorigioco. La prima vera emozione dell’incontro giunge al 16′ con il sinistro potente di Castellano, disinnescato con i pugni da Albertini. Sul versante opposto, al 25′ è interessante lo spunto di Giovannini, che converge ma chiude troppo l’angolo di tiro. Risponde subito il Vadichienti Ponte, ancora con Castellano, la palla è ancora out. La partita è frizzante e al 31′ l’Atletico Ascoli sfiora un paio di volte il gol nella stessa azione. Gassama fallisce da due passi un ottimo assist di Giovannini, che poi si mette in proprio: ubriaca la difesa locale e fa la barba al palo. Gol mangiato, gol subito. Sul capovolgimento di fronte, al 34′, la capolista passa. Salvatelli rientra e crossa per bomber Severini che svetta e supera Albertini. Due giri di lancette e l’arbitro, insieme all’assistente di linea, sorvolano su un evidente tocco di mano in area di capitan Sosi. Al 42′ Salvatelli veste ancora i panni dell’assistman e manda in porta Castellano, murato ottimamente dal portiere ospite. Allo scadere, il tiro dal limite di Iachini sibila il palo. Pronti e via, dopo appena trenta secondi della ripresa, l’Atletico Ascoli trova il pareggio.

Iachini scappa sulla sinistra e mette basso al centro, per De Marco è un gioco da ragazzi spingere la palla in rete. Gli ospiti insistono e Iachini ci prova dal limite, senza fortuna. Il Valdichienti reagisce e passa ancora in vantaggio all’8′ grazie all’inzuccata di Marconi, bravo ad anticipare tutti sulla punizione di Severini. Al 15′ Piergiacomi non si fida del rimbalzo, sul tiro di Gassama, e si rifugia in angolo, sul quale nasce il nuovo gol del pareggio ascolano: Giovannini raccoglie palla e dall’area piccola trova il pertugio vincente. Le emozioni non finiscono, tempo due minuti e Marcaccio stende Gassama lanciato in porta, l’arbitro lo spedisce anzitempo sotto la doccia. I ragazzi di Filippini alzano il baricentro e al 23′ Iachini ci prova ancora dalla distanza, Piergiacomi si allunga e devia in corner. Il portiere locale, messo fuori causa dalla deviazione della barriera, nulla può invece al 27′ sulla punizione di Coccia: è il 2-3. Il Valdichienti Ponte non si da per vinto e nonostante l’inferiorità numerica riesce a pareggiare al 43′ con la perla di Lattanzi, che raccoglie palla e non ci pensa due volte a scaraventare in porta un siluro che non lascia scampo ad Albertini.

VALDICHIENTI PONTE (4-3-3): Piergiacomi: Romagnoli (28'st Mandorlini), Fermani, Monteneri, Marcaccio; Salvatelli (34'st Cudini), Lattanzi, Badiali; Marconi (28'st Pepa), Castellano (31'st Garbuglia), Severini (22'st Ripa). A disposizione: Mallozzi, Re, Ciucci, Pandolfi. Allenatore: Giandomenico.

ATLETICO ASCOLI (4-3-3): Albertini; Serafini, Sosi, Gibbs, Fabi Cannella (12'pt Di Silvestre); Tedeschi, Coccia, Iachini; Gassama (35'st Tarli), De Marco, Giovannini. A disposizione: Spinelli, Petritola, Malavolta, Funari, Santoni, Miniscalco, Mariano. Allenatore: Filippini.

Arbitro: Eremitaggio di Ancona (Bellagamba di Macerata e Ribera di Fermo).

Reti: 34'pt Severini (V), 1′'st De Marco (A), 8'st Marconi (V), 15'st Giovannini (A), 27'st Coccia (A), 43'st Lattanzi (V).

Note: spettatori: 200 circa. Espulsi 17'st Marcaccio (V), 44'st Spinelli (A) (dalla panchina). Ammoniti: Tedeschi (A), Di Silvestre (A), Salvatelli (V), Gibbs (A), Badiali (V), Serafini (A), Monteneri (V), Gassama (A). Angoli 2-2. Recupero 1'+5'.

 

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/valdichienti-atletico-ascoli-pareggio-3-3-e-rammarico-sul-campo-della-capolista/92517/feed/ 0 Andrea Ferretti
Samb-Teramo, vince il grande cuore Stanco e Miceli nel finale firmano rimonta e 6° posto (Fotogallery) https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/samb-teramo-vince-il-grande-cuore-stanco-e-miceli-nel-finale-firmano-rimonta-e-6-posto-fotogallery/92478/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/samb-teramo-vince-il-grande-cuore-stanco-e-miceli-nel-finale-firmano-rimonta-e-6-posto-fotogallery/92478/#respond Sat, 19 Jan 2019 21:07:33 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92478

Miceli esulta, ha appena segnato il gol che vale tre punti (Foto Alberto Cicchini)

di Benedetto Marinangeli

Splendida vittoria della Samb che supera in rimonta il Teramo per 2-1. Sotto di una rete nel giro di quattro minuti, dal 39' al 43' del secondo tempo, i rossoblù grazie ai gol di Stanco (al rientro e al 6° centro stagionale) e Miceli trovano i tre punti che li portano al sesto posto in classifica legittimando la loro posizione nella griglia playoff. E sempre con una gara da recuperare..

Roselli recupera tutti gli infortunati dopo la lunga sosta e ripropone solo Biondi per l’acciaccato Zaffagnini in difesa a fianco di Celjak e Miceli. Confermato in avanti il tandem Di Massimo-Calderini per il canonico 3-5-2. Il bomber Stanco va in panchina con i nuovi acquisti Fissore e D’Ignazio. Unico assente l’ex Ilari squalificato. Atteggiamento a specchio per il Teramo con Maurizi che getta nella mischia dal primo minuto il nuovo arrivo Sparacello a fianco di Zecca, mentre l’ex capitano dell'Ascoli Giorgi parte dalla panchina. Grande agonismo in campo con il Teramo che cerca di più la manovra con i rossoblù che chiudono gli spazi giocando di rimessa.

Gara bloccata per più di mezzora con un tatticismo esasperato da una parte e dall’ altra con numerosi  falli sulla linea mediana per impedire la costruzione del gioco. Il primo tiro, se vogliamo considerarlo tale, è di De Grazia al 35’ con il pallone che si perde abbondantemente sul fondo. Ma è la Samb ad avere la migliore occasione per passare in vantaggio dopo due minuti. Rocchi verticalizza per Calderini che solo in area calcia al volo ma colpisce in pieno Lewandowski che si ritrova il pallone tra le mani.

Ad inizio ripresa Roselli sostituisce Caccetta con Gelonese con il nuovo entrato che riprende la sua posizione abituale davanti la difesa. La Samb si presenta nel secondo  tempo con un atteggiamento più propositivo. Ed al 3’ è sempre Calderini in area servito da Signori ad impegnare nella respinta Lewandowski. Non si fa attendere la risposta del Teramo che, passato lo spavento, dopo tre minuti, colpisce il palo esterno con De Grazia. Al 7’ è Di Massimo a non inquadrare la porta di testa su un cross di Rapisarda. Al quarto d’ora ecco Stanco al posto di Di Massimo con Roselli che aumenta il peso specifico in avanti.

Il tecnico rossoblù (32’) si gioca anche la carta Russotto. Ma al 24’ il Teramo passa in vantaggio. La Samb perde palla a centrocampo, rapida ripartenza ospite con Sparacello che verticalizza per De Grazia che entra in area e batte Pegorin. La Samb si getta in avanti con il Teramo che si difende con ordine. Maurizi sostituisce De Grazia (altro ex bianconero dell'Ascoli) con l'esperto Giorgi dando così sostanza alla linea mediana. Roselli si gioca il tutto per tutto inserendo anche il giovane De Paoli per Cecchini con una Samb a tre punti.

L'1-1 di Stanco (Foto Cicchini)

E la Samb perviene sal pareggio al 39’. Russotto si invola sulla sinistra entra in area con Stanco che anticipa tutti e mette dentro per l’1-1. Tre minuti dopo una conclusione a giro di De Paoli si perde sul fondo. Al 43’ la Samb  passa in vantaggio con una splendida rovesciata di Miceli dopo una mischia in area. Al 47’ è Rapisarda a salvare su Barbuti in area, poi è Stanco a sprecare una buona ripartenza.

SAMB (3-5-2): Pegorin 6; Celjak 6, Miceli 7, Biondi 6; Rapisarda 6,5, Rocchi 6,5, Caccetta 5,5 (1’st Gelonese 6), Signori 6,5, Cecchini 6 (37’st De Paoli sv); Calderini 6 (23’st Russotto 6,5), Di Massimo 6 (14’st Stanco 7). A disposizione: Rinaldi, Sala, Zaffagnini, Bove, Fissore, De Paoli, D’ Ignazio. Allenatore: Roselli 6,5.

TERAMO (3-5-2): Lewandowski 7; Piacentini 6, Caidi 6, Fiordaliso 6; Spighi 5,5 (34’st Mantini sv), Persia 6, Proietti 6, De Grazia 7 (30’st Giorgi sv), Celli 6; Zecca 5,5 (42’st Barbuti sv), Sparacello 6 (34’st Di Renzo sv). A disposizione: Pacini, Vitale, Ranieri, Cappa, Barbuti, Altobelli, Ventola, Natale. Allenatore: Maurizi 6.

Arbitro: Santoro di Messina 6 (assistenti Dell’ Università e Rabotti).

Reti: 24'st De Grazia (T), 39'st Stanco (S), 43'st Miceli (S).

Note: prima del fischio d'inizio è stato osservato un minuto di raccoglimento in memoria del segretario generale della Casertana, Gennaro Nappo. Spettatori 3.500 circa di cui 400 provenienti da Teramo. Ammoniti: Persia (T), Celjak (S), De Grazia (T). Angoli 6-2 per il Teramo. Recupero 0'+5'.

IL QUADRO COMPLETO DEL GIRONE B DELLA SERIE C

Risultati: Ternana-Fano 0-1, Sud Tirol Alto Adige-Ravenna 1-1, Pordenone-Albinoleffe 1-0, Fermana-Feralpi Salò 1-0, Imolese-Giana Erminio 5-0, Triestina-Rimini 2-0, Monza-Vecomp Virtus Verona 1-0, Gubbio-Vis Pesaro 1-0, Vicenza-Renate 1-1, Samb-Teramo 2-1.

Classifica: Pordenone 43 punti, Triestina 35, Fermana 34, Imolese 32, Ravenna 31; Samb, Vicenza e Ternana 30, Vis Pesaro e Monza 29, Feralpi Salò e Sud Tirol Alto Adige 28, Gubbio 24, Teramo e Fano 23, Rimini 22, Renate 21, Vecomp Virtus Verona 19, Albinoleffe e Giana Erminio 18.

LA FOTOGALLERY DI ALBERTO CICCHINI

 

 

 

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/samb-teramo-vince-il-grande-cuore-stanco-e-miceli-nel-finale-firmano-rimonta-e-6-posto-fotogallery/92478/feed/ 0 Benedetto Marinangeli
Atletica indoor, argento della Aliventi nel "Vandi Show" https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/atletica-indoor-argento-della-aliventi-nel-vandi-show/92476/ https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/atletica-indoor-argento-della-aliventi-nel-vandi-show/92476/#respond Sat, 19 Jan 2019 20:31:57 +0000 https://www.cronachepicene.it/?p=92476

La "poliziotta" Enrica Cipolloni

Nella giornata del "Vandi Show", secondo posto al Palaindoor di Ancona per Martina Aliventi della Collection Atletica Sambenedettese nel salto in lungo. La 22enne pesarese Eleonora Vandi (Atletica Avis Macerata) si migliora sugli 800 realizzando il nuovo primato regionale assoluto con 2’05”62, mentre sulla pedana del lungo rientro della Aliventi che atterra a 5,87, seconda alle spalle di Anna Visibelli dell'Atletica Firenze Marathon (6,02).

La sambenedettese Enrica Cipolloni, in gara con la maglia delle Fiamme Oro (Polizia), salta 5,52 dopo aver corso in 9"21 sui 60 ostacoli, in un doppio test a una settimana dalla rassegna tricolore di prove multiple dove difenderà il titolo italiano del pentathlon. Il weekend prosegue domenica con l'atteso arrivo al Palaindoor di Ancona dell'uomo più veloce d'Italia, Filippo Tortu, ma anche di gare giovanili che vedranno di scena diversi atleti di club marchigiani.

 

]]>
https://www.cronachepicene.it/2019/01/19/atletica-indoor-argento-della-aliventi-nel-vandi-show/92476/feed/ 0