facebook rss

Ascoli-Foggia: Lanni ne salva due,
Varela fumoso, difesa solito disastro

Carpani, Bianchi e Parlati stringono Fedele nella morsa di centrocampo (Foto Sandro Perozzi)

di Andrea Ferretti

Quasi tutti sotto la sufficienza i bianconeri dell’Ascoli dopo la sconfitta in casa contro il Foggia che fa precipitare il Picchio all’ultimo posto della classifica.

LANNI (6): Dopo 3 minuti salva su Mazzeo e dopo un minuto su Nicastro. Nulla può nulla sul gol del vantaggio di Camporese, poi sventa su Chiricò e alla fine deve arrendersi alla conclusione dell’ex bianconero che chiude il conto.

MOGOS (5,5): In difficoltà su Beretta, centravanti prestato alla fascia sinistra, il quale nella ripresa centra la traversa e poi regge da solo tutto il peso dell’attacco dopo l’uscita di Mazzeo.

DE SANTIS (5): Preferito alla soluzione Addae difensore, avvia qualche ripartenza con lunghi lanci, ma rovina una prova fino a quel momento dignitosa facendosi saltare come un birillo da Chiricò nell’azione del raddoppio.

GIGLIOTTI (5,5): Superata l’emozione di ritrovarsi per la prima volta contro i suoi ex compagni, non abbocca ai tentativi di Mazzeo che cerca di portarlo fuori zona. Nel finale se la vede con Beretta che diventa centravanti dopo l’uscita di Mazzeo. Ammonito.

CINAGLIA (5): Di nuovo a sinistra (che non è il suo ruolo) come vice di Mignanelli. Nicastro non combina grandi cose, ma lo costringe comunque a starsene sempre rintanato nella propria metà campo. Nella seconda metà della ripresa gli tocca Chiricò, ma sul gol che chiude la partita non c’è.

Cinaglia di nuovo impiegato a sinistra, atterrato da Nicastro (Foto Sandro Perozzi)

CARPANI (6): Premiato per le 100 presenze (103 oggi) in maglia bianconera, promosso capitano di giornata. Cerca di mettere ordine alla manovra e (invano) anche qualche corridoio dove infilarsi. Sostituito.

PARLATI (6): Terza da titolare dopo Bari e Carpi, stavolta lo piazzano davanti alla difesa a fare il Buzzegoli. Si limita al compitino e nello scampolo finale viene sostituito per far spazio alla seconda punta.

BIANCHI (6): Se la vede con Deli (ko dopo pochi minuti) e poi con Fedele. Una deviazione (sfortunata) di testa per tempo. Capitano dopo l’uscita di Carpani. Prestazione appena sufficiente, almeno per l’impegno.

CLEMENZA (5): Suo il primo tiro (telefonato) verso Guarna, che resta l’unico dell’Ascoli. Non riesce mai a saltare l’uomo e, dopo un’ora, viene richiamato in panchina per far posto a Baldini.

ROSSETI (5,5): Al centro dell’attacco al posto di Favilli, fa a spallate con
Camporese e Coletti ma non riesce mai a rendersi pericoloso.

VARELA (4,5): Fumoso e a tratti anche irritante, come quando nella ripresa conclude di testa. Ma il suo sembra più un retropassaggio al portiere.

BALDINI (dal 15’st) (5): Mezzora al posto di Clemenza. Poco servito, non incide mai.

D’URSO (dal 26’st) (5): Subentra a Carpani e, appena entrato, si mangia un gol a porta vuota spedendo in curva. Poi si fa male e, con le tre sostituzioni avvenute, lascia l’Ascoli in dieci.

SANTINI (dal 36’st) (S.V.): attaccante in più negli ultimi dieci minuti, ma non tocca palla.

MARESCA-FIORIN (4,5): Il tiki-taka non paga, le assenze fanno il resto. E la disfatta si materializza così nella partita che poteva segnare la svolta. Quest’ultima c’è stata, ma ha le sembianze dell’inizio di un precipizio.

Pomeriggio tranquillo per Guarna, uno degli ex, quasi mai impegnato (Foto Sandro Perozzi)

FOGGIA: Guarna 6,5; Loiacono 6, Camporese 7, Coletti 6, Celli 6; Agazzi 6, Vacca 6,5, Deli sv (Fedele 6,5); Nicastro 6 (Chiricò 7), Mazzeo 6 (Empereur sv), Beretta 6,5. Allenatore: Stroppa 7.

ARBITRO RAPUANO (6,5): Gara corretta grazie anche alla sua direzione. Parla molto con i giocatori e cerca di non farsi sentire solo con i cartellini: mostra solo un giallo per proteste a Gigliotti.

L’Ascoli cola a picco Al Del Duca esplode la contestazione (Foto – Video)


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X