facebook rss

Il 16enne investito a Castel di Lama
è stato soccorso in 13 minuti
e adesso sta meglio

ASCOLI - Precisazione della dottoressa Filomena Egidi dell'equipaggio del 118 che quel giorno era di turno nella Potes di Offida intervenuta dopo l'incidente

In riferimento al nostro articolo “Studente 16enne travolto da un’auto, i soccorsi dopo mezz’ora” rettifichiamo che in realtà il ragazzo è stato soccorso dall’ambulanza del 118, e poi trasportato all’ospedale Mazzoni di Ascoli in circa 13 minuti. La puntualizzazione è della dottoressa Filomena Egidi, team leader dell’equipaggio del 118, di turno nella Potes di Offida, che l’ha soccorso e che si ritiene «moralmente e professionalmente danneggiata insieme con l’equipaggio».

Il Pronto Soccorso dell’ospedale Mazzoni

«Non è vero che l’equipe sia arrivata sul posto dopo “forse più di mezzora”, in realtà siamo arrivati in meno di 13 minuti. Ricevuta la comunicazione della centrale operativa – spiega – abbiamo impiegato 2 minuti per essere operativi, 11 minuti a sirene spiegate per raggiungere la contrada Sambuco luogo dell’incidente. Le mie affermazioni sono provate dallo scambio continuo di comunicazioni con la centrale operativa su linea telefonica registrata quindi facilmente verificabili, il dispatch di ogni intervento è un atto pubblico fidefacente che può essere messo in dubbio o contraddetto solo con una querela per falso». E continua: «Non è vero che il ragazzo infortunato perdesse sangue, non è vero che il ragazzo sia rimasto esposto alla pioggia e al freddo “steso in terra , senza soccorso per almeno mezzora”, certamente non potevamo ripararlo dalle intemperie prima del nostro arrivo, ma meno di 13 minuti dopo la chiamata della centrale operativa eravamo sul posto e come prima cosa abbiamo protetto dalla pioggia e dal freddo il ragazzo con protezione termica, rapidamente assicurato sulla spinale con ferma-capo e cinture a ragno e sistemato in ambulanza. Intervento, posso affermare senza tema di smentita, esemplare».

Anche il padre del ragazzo, sul proprio profilo Facebook, nei giorni scorsi ha confermato che l’ambulanza non è arrivata in ritardo e ha colto l’occasione per ringraziare operatori sanitari, medici e infermieri  che si sono occupati di lui e tutto il paese che si è stretto intorno alla famiglia. Ha sottolineato inoltre come il ragazzo di 18 anni, che guidava l’auto investitrice, sia stato il primo a prestare i soccorsi raggiungendo poi l’ospedale con lui e gli altri familiari del ragazzo investito, così come l’autista del pullman si sia tolto il piumino per coprire dalla pioggia il ragazzo steso a terra.

L’aspetto sicuramente più importante della vicenda, comunque, è che il giovane studente ora stia meglio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X