Quantcast
facebook rss

Capodanno ad Appignano,
il 2017 va via in una bara

FOLKLORE - Torna la mitica "Processione dell'anno vecchio". Un momento altamente rievocativo sospeso tra teatro di strada e folklore. Evento unico a livello nazionale: 30 e 31 dicembre appuntamento in centro storico
...

di Luca Capponi 

E’ uno degli appuntamenti più attesi del Capodanno piceno. La sua principale caratteristica, poi, cioè lo svolgersi durante una serata in cui a dominare sono sempre le feste danzerecce al chiuso, lo rende unico anche a livello nazionale. Ad Appignano del Tronto, infatti, la storia si fa con la mitica “Processione dell’anno vecchio”, momento di teatro di strada sospeso tra folclore e mito, che celebra le esequie del defunto anno e festeggia la nascita del nuovo.

Un momento dell’evento (foto di Federica Cinesi)

L’appuntamento non è solo per il 31 dicembre, giorno in cui ha luogo l’evento, ma anche per il giorno precedente con la veglia funebre che saluta il partente e prossimo al decesso 2017. Il programma, curato anche quest’anno dalla Pro Loco, si articola dunque in due diversi momenti: “La veglia” del 30, che parte con la cena in piazza e prosegue, alle 21, con il “percorso delle dodici case”, itinerario in cui si percorrono le strette vie del paese incontrando i vari mesi dell’anno, con le variopinte voci del dolore, tra pianti, scenette, filastrocche, musiche e degustazioni, a condividere l’angoscia per l’imminente morte del loro anno venerabile. Parallelamente c’è anche il “percorso dei sette vizi capitali”, altro goliardico viaggio tra le inclinazioni più profonde del comportamento e della morale umana. Un lungo tunnel che porta il visitatore a svestirsi degli “abiti del male” e rinascere attraverso la “purificazione dell’oliva”, il cui nocciolo, a simbolo di tutto ciò che di negativo ha caratterizzato il vecchio anno, verrà gettato all’interno della bara del vecchio morente, e brucerà con essa alla mezzanotte del 31 dicembre liberando le speranze per un anno migliore. Le scene che si sviluppano lungo il percorso rappresentano in forma allegorica i sette vizi capitali: Avarizia, Accidia, Superbia, Invidia, Lussuria, Ira, Gola. Il percorso purificativo termina con la visita alla camera ardente con lo struggente pianto delle comari, l’estrema unzione e la benedizione a vino cotto. All’una partirà, infine, Funerea, la festa più triste dell’anno con il dj set di Daniel L e un dress code…a lutto.
Il clou scatta ovviamente a San Silvestro. Si comincia con il “cenone dei parenti stretti”; non il classico convivio di Capodanno, poiché è rivolto a coloro che hanno intenzione di partecipare attivamente al corteo funebre, e condividere come parenti il dolore per la perdita dell’amato vecchio. Alle 22,45 tutti i commensali, urlando a squarciagola il proprio dolore e recitando arcaiche litanie, si accodano al carro funebre e raggiungeranno la piazza principale del paese dove la bara del vecchio anno verrà data alle fiamme. Sacro e profano si fondono in un curioso e goliardico corteo funebre formato da grotteschi personaggi e costumi simboleggianti i mesi dell’anno, i quali, accompagnati dalla banda strombazzante a tutto fiato una buffa arietta funebre, sfilano per le vie del paese portando sbiadite ghirlande.

Le fiaccole della “compagnia bonamorte” ed i lumini accesi lungo le rue rischiarano il passaggio del “vescovo”, che con una grossa e variopinta mitria in capo e voce stentorea, officia il funerale aspergendo di vino gli astanti. Segue il carro sospinto dall’umano bue e asinello, che avvolto dall’allegria della folla procede a scossoni e sembra sfasciarsi ad ogni sobbalzo. Sul carro, giace la grande bara pronta ad essere bruciata nella piazza principale del paese, e tra fiaschi di vino e spettacoli di fuochi, si accoglie festosamente la nascita del “bambinello”, ovvero il nuovo anno.
Il programma prosegue con la rappresentazione battaglia Marduk-Tiamat (trae origini del capodanno babilonese), sempre n piazza, e l’accensione del fuoco. Alle 24, grande spettacolo pirotecnico mentre all’una si bissa con Funerea, stavolta con la festa allegra e la musica di Ripoli & Fonzi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X