Quantcast
facebook rss

Uno scudetto ad Ascoli
con Adriano Fazzini e Mauro Carpani
Mezzo secolo di successi

ASCOLI - Una coppia imbattibile che gioca insieme da 50 anni con immutato entusiasmo. Nel 2015 al "Bar 4 Ruote" nasce una società agonistica che sale subito in serie B, poi in A e infine vince lo scudetto
...

Adriano Fazzini e Mauro Carpani

di Walter Luzi

Adriano & Mauro. Una amicizia antica vera, e una grande passione condivisa: il biliardino. Il successo dei neo campioni italiani di calcio balilla, 119 anni in due, fra i premiati con la loro squadra al Teatro Ventidio Basso nel corso del Gran Galà dello sport ascolano, parte da lontano. Dall’oratorio dei Frati in via 3 Ottobre e dal bar Perugia, il ritrovo abituale della omonima via dove sono nati e cresciuti. I teatri delle loro prime, interminabili partite a biliardino fin da quando avevano dieci anni o poco più, sempre in coppia fissa. Sono stati 50 anni, passati davvero gomito a gomito, di vittoria in vittoria, a cementare l’amicizia fra Adriano e Mauro, che si divertono a giocare molto più che a vincere.

Adriano lo chiamano tutti “Scrella” perchè è magrissimo, ma al biliardino è insuperabile, alla pari di Mauro. Sono una coppia invincibile: con loro non c’è speranza, è sconfitta certa. Neanche maggiorenni iniziano così a spostarsi in altre regioni dove si disputano grandi tornei di calcio balilla, che non è ancora inquadrata come disciplina sportiva agonistica, perchè la federazione nascerà solo nel 2002.  Cominciano ad avere quasi i calli alle mani impugnando le  manopole delle stecche, ma la pallina continua ad impazzire sotto le magie delle loro giocate in quegli ottanta centimetri quadrati di campo. I numeri uno della città, già regina del calcio marchigiano con l’Ascoli Calcio di Costantino Rozzi, diventa così, grazie a loro, anche la regina del calcio balilla.

La loro fama varca i confini regionali, e aumenta battendo anche concorrenti provenienti da mezza Italia. Epiche le sfide soprattutto contro i napoletani, con i quali spesso i match si protraggono ben oltre l’ora di verdetti e premiazioni, anche a porte chiuse. Perchè le rivalità, a biliardino, durano per sempre, e le rivincite non si rifiutano mai. Le quattro file di omini in rosso e blu, tre attaccanti, cinque centrocampisti, due difensori e un portiere giocano a memoria sotto le mani di Adriano e Mauro, con quella pallina di plastica bianca di 33 millimetri appena di diametro da spedire in gol. Napoletana,  Spizzica,  Cinese, Tavoletta,  Cavalluccio,  Mattonella, Caruso, Frusta e tantissimi altri i colpi del loro grande repertorio. La passione del biliardino con lo scorrere degli anni non sopisce. Nel 2015 ai due vecchi maestri arriva la proposta di un gruppetto di entusiasti e giovanissimi appassionati. Formare una squadra agonistica per giocarsela a livello nazionale.

Il bar Quattro Ruote di Ilario Gagliardi e Filomena Rapagnà, sponsor della formazione, diventa il ritrovo abituale del team anche per gli allenamenti. All’esordio è subito promozione in serie B e l’anno successivo addirittura in A con gli ascolani a farsi rispettare in tutte le discipline: Tradizionale, Volo, Speedball, e Tre Tocchi, in singolo, coppia e misto. Quest’anno, poi, Federica Morsella, Andrea Piccioni, Alessandro Collina, Simone Sambucini, Lorenzo Nesta, Luca Ciannavei, Ramon Testa (tutti under 30), con Adriano Fazzini e Mauro Carpani a fare …da chioccia hanno conquistato a Saint- Vincent il primo scudetto tricolore. I compagni di squadra potrebbero essere i loro figli ma la passione è identica, il fisico dei senior non arrugginisce, la classe, cristallina, sono quelli di sempre. Adriano e Mauro, 50 anni dopo la loro prima partita in coppia all’oratorio di padre Corrado, compiono, ancora divertendosi, ancora strabiliando, la grande impresa.  In Val d’Aosta i concorrenti sono oltre 300, arrivati da 40 città. Vince Ascoli Piceno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page



4 commenti

  1. 1
    Luca Fazzini il 20 Dicembre 2017 alle 13:01

    Carmela Farfani

  2. 2
    Carmela Farfani il 20 Dicembre 2017 alle 13:02

    Ti stavo per taggare io… Mi sono quasi commossa ?

  3. 3
    Adriana Cavucci il 20 Dicembre 2017 alle 18:23

    Carmela Farfani Mauro Carpani è diventato FAMOSO!!!!! Fai tanti complimenti al tuo bravissimo papy!!!!!

  4. 4
    Roberto De Vecchis il 20 Dicembre 2017 alle 22:41

    Grande Adriano, il tuo soprannome è identico al mio Scrella, complimenti per la vittoria

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X