Quantcast
facebook rss

Con il “Portico di Padre Brown”
canti, musica, danze e sorprese
nella chiesa di Sant’Agostino
Video

ASCOLI - L‘appuntamento natalizio di mercoledì 27 (ore 21,15) è organizzato in collaborazione con l’associazione “AscolTiAmo”. L'ingresso è libero e le offerte saranno devolute alle popolazioni terremotate. Abiti di tessuti pregiati dall’atelier Versace
...

I protagonisti della presentazione della serata del 27 dicembre che si svolgerà nella chiesa di Sant’Agostino

di Bruno Ferretti

(foto e video di Andrea Vagnoni)

Canti, brani musicali, danze, letture e qualche sorpresa, il tutto proposto in un festoso clima natalizio. Un mix di fede e recitazione nel segno della tradizione. E’ l’Adeste Fideles che si svolgerà mercoledì 27 dicembre (ore 21,15) dentro la monumentale chiesa di Sant’Agostino, nella omonima piazza al centro di Ascoli. Insomma una serata fra devozione e divertimento, spiritualità e spettacolo (ingresso gratuito, le offerte saranno devolute per le popolazioni terremotate) organizzata dalle associazioni culturali “Portico di padre Brown” e “AscolTiAmo”. 

Laura Trontini, Gianni Silvestri e Paolo Anastasio di “AscolTiAmo”

«Ringrazio il vescovo D’Ercole e il parroco don Daniele De Angelis perché insieme vogliamo rilanciare la chiesa di Sant’Agostino, grande patrimonio artistico della nostra città. E ringrazio chi ha lavorato e sta lavorando per realizzare questo appuntamento – ha detto il sindaco Guido Castelli – molti ascolani non conoscono la chiesa di Sant’Agostino perché  è rimasta chiusa tantissimi anni, e pochi sanno che al suo interno c’è il quadro più antico della città: la Madonna della Pace che risale al 1340. Non c’è certezza sull’autore dell’opera ma apparteneva alla scuola degli artisti fabrianesi. Per mercoledì sera invitiamo ad intervenire anche le altre comunità religiose non cattoliche presenti ad Ascoli».

Alla presentazione del programma della serata è intervenuto anche il sindaco Guido Castelli, il secondo da sinistra

La chiesa di Sant’Agostino, in stile romanico, è a due navate e risale al XV secolo. «La nostra associazione AscolTiAmo è lieta di collaborare con il Portico di Padre Brown per realizzare questo appuntamento natalizio e sono sicuro che anche in futuro potremo collaborare perché abbiamo molte tematiche in comune – ha detto il fondatore Gianni Silvestri, assessore comunale – la chiesa è magnifica e molto grande. Sarà fredda ma per la manifestazione di mercoledì sera cercheremo di renderla il più accogliente possibile».

«Noi del Portico di Padre Brown organizziamo l’Adeste Fideles dal 2011 ovvero da quando è nata l’associazione che conta una cinquantina di iscritti ma anche tanti altri collaboratori esterni – spiega Alessia Piccioni – non è un presepe vivente ma una serata con tante cose. In passato l’abbiamo effettuata nella chiesa di Sant’Andrea, in quella della Madonna del Carmine e al Teatro Ventidio Basso. Originale ideatrice e regista di tutto è la nostra amica Pina Traini che lavora da tanti anni in Vaticano e mercoledì sarà con noi.

Alessia Piccioni è la prima a sinistra

Saranno allestite scene a tema natalizio, avremo costumi dell’atelier Versace con tessuti pregiati, uno davvero spettacolare con una enorme stella cometa lunga 25 metri con una spettacolare. Saranno una quindicina le persone impegnate fra musicisti, attori e cantanti. La durata? Un’ora, massimo un’ora e mezza. Per realizzare appuntamenti di questo tipo ci hanno chiesto collaborazione associazioni di altre città e alla fine andremo…. in tournèe» ha concluso, scherzando, Alessia Piccioni. 

 

La locandina dell’evento del 27 dicembre ospitato nella chiesa ascolana di Sant’Agostino nell’omonima piazza


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X