facebook rss

Confartigianato, presepe vivente
per tendere la mano alle aziende
delle zone colpite dal terremoto

ASCOLI - Il 6 gennaio nei giardini di Palazzo Arengo e in Pinacoteca. Coinvolte 15 realtà del cratere. Il supporto di "Oasi" e "TreValli Sibilla". Fra gli 88 personaggi, il sindaco Castelli sarà uno dei Re Magi

 

Da sinistra: Paolo Cesaretti della “TreValli”, la coreografa Catia Mancini, Natascia Troli presidente Confartigianato, Gino Sabatini presidente Camera di commercio

di Bruno Ferretti

Un mix di fede e tradizione. Di spiritualità e artigianato. Ma anche un’occasione per dare visibilità alle attività produttive delle zone devastate dal terremoto e incrementare l’offerta turistica del capoluogo. Sono queste le finalità della seconda edizione di “Adeste Fideles – Artigiani sulla via di Betlemme”, iniziativa promossa dalla Confartigianato Ascoli-Fermo sulla scorta del successo ottenuto lo scorso anno. Si tratta di un Presepio vivente ma non solo perché avrà come corollario a tante altre iniziative, che si svolgerà il 6 gennaio 2018 (dalle ore 15 alle 20, ingresso gratuito) nei giardini di Palazzo Arengo e nella Pinacoteca comunale.

«Quest’anno siamo passati da 35 a 88 personaggi protagonisti della Natività con la collaborazione di 15 aziende artigiane, quasi tutte provenienti dalle zone terremotate – ha detto Natascia Troli, presidente interprovinciale della Confartigianato presentando l’evento – ci saranno falegnami, un laboratorio del restauro, produttori di cesti, statuette di cera, merlettaie, lavandaie, degustazioni dei prodotti alimentari, il casaro della Sibilla di Amandola e altri ancora che mostreranno dal vivo le loro lavorazioni. La sacra famiglia sarà interpretata da una vera famiglia composta da padre, madre e figlio e posso anticipare che uno dei Re Magi sarà il sindaco Guido Castelli. Ringrazio le aziende e tutti coloro che ci hanno aiutato, in particolare Catia Mancini, costumista, coreografa e vera anima dell’evento».

Evento che rientra nel progetto “Sapori e tradizione” ed è sponsorizzato dal centro commerciale “Oasi – Al Battente” e da “TreValli Sibilla” con il patrocinio di Diocesi di Ascoli, Comune di Ascoli, Bim Tronto, Piceno Pop Chorum che effettuerà due esibizioni canore (ore 17 e 18,30) nella Pinacoteca (Sala della Vittoria), parrocchie San Gennaro di Folignano e Santo Stefano di Roccafluvione, Comunità “Il mandorlo – Gli amici di Gesù” di Rotella. Il Piceno Pop Chorus effettuerà due esibizioni canore (ore 17 e 18,30) nella Sala della Vittoria in Pinacoteca mentre il Sestiere della Piazzarola metterà a disposizione quattro chiarine.

Luigi Contisciani presidente del Bim e Alessandro Filiaggi assessore al commercio

«Appoggiamo con favore questa iniziativa – ha detto Gino Sabatini, presidente della Camera di commercio di Ascoli – perché offre alle imprese del cratere una opportunità di visibilità di cui hanno certamente bisogno. Non devono perdere la fiducia di ripartire e noi dobbiamo aiutarle. Inoltre sarà un’occasione di richiamo turistico in più per la nostra città».

«Anche il Bim Tronto crede in questo progetto che ha una valenza particolare perché coinvolge 15 aziende del cratere» ha aggiunto Luigi Contisciani, presidente del Bim Tronto. Dello stesso parere l’assessore comunale al commercio Alessandro Filiaggi: «Il Comune di Ascoli contribuisce con favore alla realizzazione di questo Presepio vivente, eccellente iniziativa che unisce tradizione e lavoro degli artigiani. E speriamo che quest’anno vengano ancora più visitatori» .

«TreValli collabora volentieri come ha già fatto con altre iniziative come la Cena Stellata da Meletti e altre – ha specificato Paolo Cesaretti della Sibilla – vorrei ringraziare pubblicamente i nostri operai che anche nei giorni del terremoto hanno continuato a lavorare senza mi fermarsi, spostandosi nel piazzale esterno dello stabilimento, ovvero un luogo meno pericoloso. Porteremo il casaro che mostrerà ai visitatori come si lavorano le mozzarelle e altri nostri prodotti alimentari».

«Cercheremo di allestire un bel presepio come ho già fatto a Bernalda in provincia i Matera dove si è registrato un numero record di visitatori – le parole di Catia Mancini – giro molto per lavoro (cinema, teatro, spettacoli, ndr) e personalmente sono molto contenta di partecipare a questa manifestazione nella mia città che è fra le più belle d’Italia ma va rivitalizzata, in chiave turistica, anche attraverso manifestazioni di questo tipo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X