Quantcast
facebook rss

Ascoli, triplice trattativa con il Pescara
Spuntano Galabinov, Pinamonti e Odgaard

SERIE B - Il Picchio ha chiuso un deludente 2017 al penultimo posto ma si consola con le cessioni di Orsolini, Favilli e Di Francesco alla Juve. Nel mirino Ganz, Mazzotta e Selasi in uscita dal club abruzzese
...

L’attaccante Andrej Galabinov è in uscita dal Genoa

di Bruno Ferretti 

Il 2017, ormai alle spalle, non è stato certo un anno positivo per l’Ascoli Picchio che lo ha chiuso al penultimo posto della classifica in piena zona retrocessione. A maggio ha ottenuto la salvezza del campionato 2016-2017 -con il fiatone- solo alla penultima giornata grazie alla vittoria di Bari (0-1, Bianchi). Le cose migliori sono venute dal mercato con la cessione di Riccardo Orsolini alla Juventus (poi girato in prestito all’Atalanta) che ha portato diversi milioni nelle casse dell’Ascoli, e altri 4 ne arriveranno dalla cessione – sempre alla Juve – del baby Davide Di Francesco che non ha ancora compiuto 17 anni. Il ragazzo di Sant’Egidio alla Vibrata (Teramo) si è messo in evidenza nella Primavera e ha esordito nella Nazionale Under 17, segnando anche un gol. Senza dimenticare l’operazione Favilli, anche lui destinato a tornare alla Juventus. L’Ascoli, come noto, ha spesi 3 milioni la scorsa estate per riscattarlo dal Livorno e adesso ne incasserà 7 dalla Juve. Insomma un’altra grande plusvalenza a tutto vantaggio del bilancio economico.

Orsolini con la maglia dell’Ascoli esulta dopo un gol

Martedì 2 gennaio si aprirà il mercato invernale: resterà aperto fino al 31. Tutte le squadre cercano di rinforzarsi  acquistando oppure -chi non ha la possibilità di spendere- attraverso qualche scambio. L’Ascoli ha aperto una complessa trattativa con il Pescara che riguarda ben tre giocatori: il centravanti Simone Ganz (24 anni), il terzino sinistro Antonio Mazzotta (28) e il centrocampista ghanese Ransford Selasi (21). Il Pescara deve sfoltire una “rosa” troppo ampia che crea problemi di gestione e inevitabili malumori nello spogliatoio. Selasi in passato ha giocato in B con lo stesso Pescara e il Novara, ma nel girone di andata Zeman non lo ha mai utilizzato.

Ganz ai tempi in cui segnava nel Como

Diverso il discorso per Mazzotta, terzino sinistro, che conta 20 presenze, ma con il recupero di Balzano dovrebbe tornare in panchina. Infine Ganz. Il Pescara lo ha pagato (al Verona) 1,8 milioni di euro e vuole la stessa somma per cederlo. L’Ascoli, se crede in lui, potrebbe utilizzare una parte di quanto ricavato dalle cessioni di Favilli e Di Francesco alla Juve.

 Ganz, figlio d’arte, è esploso a Como, prima di passare al Verona e poi al Pescara dove ha giocato solo 5 spezzoni di partita. L’Ascoli sarebbe per lui una grossa occasione di rilancio ed essendo ancora giovane (24 anni) Ganz può diventare anche un investimento in prospettiva futura.

Altro attaccante avvicinato all’Ascoli è il bulgaro Andrej Galabinov (29 anni), in uscita dal Genoa. Ha giocato in B con Avellino, Livorno e Novara. Galabinov è richiesto dal Venezia e da altre squadre cadette. Ci sono poi due giovani attaccanti dell’Inter Primavera: Andrea Pinamonti e il danese Jens Odgard, entrambi classe ’99, che hanno realizzato molti gol nel campionato Primavera e anche nella Youth League, ovvero la Champions delle squadre giovanili. Sono molto promettenti ma ancora inesperti causa la giovanissima età e per questo l’Inter vuole mandarli a fare esperienza in serie B.

C’è anche l’ipotesi Ascoli, ma Cosmi preferisce giocatori che conoscono il campionato, già pronti a livello atletico e caratteriale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X