Quantcast
facebook rss

Monticelli, Pierantozzi ci crede
«Ci salveremo con la tigna»

CALCIO D - Il difensore della squadra ascolana è uno dei superstiti della passata stagione e punta sul sacrificio e sull'unione del gruppo per scrivere un'altra bella pagina della storia del club biancazzurro
...

di Lino Manni

In chiave salvezza cresce la fiducia in casa Monticelli nonostante l’avvio non sia stato eccellente. Nel girone di ritorno la squadra di mister Stallone è pronta a compiere un’altra impresa.

Federico Pierantozzi

«Siamo partiti a rilento a causa dei numerosi infortuni e anche di alcune diciamo “sviste” arbitrali – dice Federico Pierantozzi, difensore classe 1997, pilastro della difesa, cresciuto nelle giovanili dell’Ascoli – ci siamo rimboccati le maniche e, dato siamo abituati a non mollare mai e a combattere sempre, lotteremo per la salvezza alla quale tutti quelli che sono rimasti credono fermamente. Qualcuno è andato via ma ora grazie ai nuovi innesti non possiamo far altro che crescere e migliorare».

Insomma quella del girone di ritorno sarà un’altra squadra, un altro  Monticelli molto rinnovato. Chi è rimasto darà il suo contributo per la salvezza. Pierantozzi, punto di forza del reparto arretrato, è uno della vecchia guardia (29 presenze la scorsa stagione) che ha sposato il progetto del presidente Piero Palatroni ed è rimasto perché ci crede.

«Per salvarsi serviranno la tigna, il sacrificio e l’unione del gruppo. Il Monticelli – conclude il giovane difensore – ha sempre dimostrato di essere una squadra unita ed è pronto a stupire ancora e a scrivere un’altra grande pagina nella storia del calcio ascolano».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X