Quantcast
facebook rss

Tra Fellini e Bergman,
“Cinesophia” scalda i motori

ASCOLI - La seconda edizione dell'interessante festival si terrà al Ventidio Basso il 23 e 24 febbraio. Tema di quest'anno, il realismo magico e l'arte di due maestri assoluti. Appuntamenti ad ingresso libero
...

Realismo magico. Fellini e Bergman. “8 1\2” e “Persona”. Sogno e veglia. Sono solo alcuni degli interessanti spunti della seconda edizione di “Cinesophia, estetica e filosofia del cinema”, il festival che per due giorni trasformerà il teatro Ventidio Basso in un centro dedicato a interessanti “sfide culturali”. L’appuntamento è per il 23 e 24 febbraio, con un tema che accomuna le opere dei cineasti più amati e le avanguardie dell’ultima generazione, un’indagine sulla capacità del cinema di sviscerare gli aspetti perturbanti della quotidianità, in un continuo gioco tra finzione e verità, tra immaginario e reale.

Il Ventidio durante l’edizione 2017 di Cinesophia

«Le due giornate -spiega la direttrice artistica Lucrezia Ercoli– saranno dedicate alle opere di due grandi maestri del cinema che continuano a influenzare la cultura contemporanea: le geniali invenzioni di Ingmar Bergman di cui nel 2018 si celebra il centenario dalla nascita e le visioni oniriche di Federico Fellini»
«L’amministrazione comunale -dice il sindaco Guido Castelli– crede nel progetto di “Cinesophia”, che ha attratto e coinvolto la città già nella prima edizione, per il suo approccio originale alle tematiche contemporanee. Con “Popsophia” crediamo di poter diventare un punto di riferimento del dibattito culturale nazionale”.
Il festival è organizzato dall’amministrazione comunale e dall’associazione culturale Popsophia, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale. Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero. Per informazioni, info@popsophia.it.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X