facebook rss

Ennesimo incidente in via Ricci
la strada più trafficata della città
senza segnaletica da 18 mesi

ASCOLI - Lo scontro tra una Panda e una Renault confermano la pericolosità, ma anche il pressapochismo di chi ha effettuato gli interventi. Situazione acuita da un rudere prossimo al crollo segnalato da inutili transenne

L’incidente è appena accaduto nel tratto in cui si restringe la strada: coinvolte una Fiat Panda e una Renault

di Andrea Ferretti

Ennesimo incidente questa mattina in via Francesco Ricci ad Ascoli: strada bloccata, traffico paralizzato, intervento di Vigili urbani e ambulanza, un  ferito lieve, solito caos. Sono rimaste coinvolte una Renault, che scendeva dopo la curva a destra, e una Fiat Panda.

Manca la segnaletica. Se ne sono accorti anche i non vedenti. Le segnalazioni si sprecano, le proteste anche. Di questo problema ci siamo occupati ripetutamente fin dall’estate 2016 (!), cioè da quando venne rifatto l’asfalto in via Ricci e via Pacifici Mazzoni che – unite – costituiscono la strada più trafficata della città, l’unica che collega le periferie est-ovest di Ascoli senza ricorrere alla superstrada. I lavori si conclusero nell’estate 2016, poi non è accaduto più nulla. La situazione è talmente peggiorata che residenti e automobilisti quasi rimpiangono le vecchie care buche che al massimo ti danneggiavano un’ammortizzatore.

Ambulanza e Vigili urbani sul posto

La totale mancanza di segnaletica, invece, produce l’effetto di creare incidenti stradali a ripetizione: la media è di uno al giorno. Spesso si risolvono con uno scambio di reciproci insulti tra gli automobilisti coinvolti, altre volte sono più gravi e serve l’intervento dell’ambulanza (come accaduto oggi) o del carro attrezzi per la rimozione dei mezzi incidentati. Curioso che molti di questi incidenti siano visibili addirittura dalle finestre dell’abitazione del sindaco Guido Castelli il quale di questo argomento deve essersi evidentemente poco interessato. O, se l’ha fatto, il suo intervento non ha evidentemente prodotto nulla. Mancano le strisce bianche di attraversamento, quelle di delimitazione delle corsie di marcia e cioè della carreggiata, quelle di mezzeria (determinanti anche ai fini di incidenti e denunce alle assicurazioni) e i dissuasori di velocità sono stati “annullati” dal nuovo asfalto spalmato sopra a quello vecchio.

I lavori per il nuovo marciapiede in via Ricci

Ma per restare coinvolti in un incidente, in via Ricci e via Pacifici Mazzoni non è necessario percorrere la strada ad elevata velocità. Basta molto meno. Come ad esempio le transenne sistemate di traverso in mezzo alla strada che – senza alcun senso – stanno lì da circa un anno restringendo pericolosamente la carreggiata in prossimità di una curva a gomito. Trattandosi di oggetti removibili, ogni tanto cambiano di posizione.

Secondo le intenzioni del Comune doveva essere la soluzione migliore per proteggere passanti e automobilisti da una delle due villette-ruderi che potrebbe crollare da un momento all’altro. Una situazione di degrado su cui nessuno vuole trovare una soluzione. E’ la villetta col tetto sfondato circondata da una giungla rifugio di piccoli animali e, per un periodo, anche di qualche sbandato.

La villetta prossima al crollo

La casa sta per crollare ma nessuno interviene in maniera seria. Scontato, però, che lo farà non appena il crollo coinvolgerà qualche auto parcheggiata (nella migliore delle ipotesi) o in transito o qualche pedone. Ma in via Ricci (la parte iniziale a ridosso di via Dino Angelini) ora è tempo di marciapiedi. E quello che conta adesso è solo questo. Contravvenzioni ad auto parcheggiate in mezzo alla strada, villetta prossima al crollo e segnaletica possono attendere.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page



3 commenti

  1. 1
    Vincenzo Del Vento il 28 Gennaio 2018 alle 20:28

    È mettetecela questa segnaletica.

  2. 2
    Stefano Farina il 28 Gennaio 2018 alle 23:06

    Proprio perché la mancanza di segnaletica può essere una concausa dell’incidente, il Comune potrebbe essere coinvolto in un eventuale procedimento di risarcimento danni.

  3. 3
    Stefano Farina il 28 Gennaio 2018 alle 23:20

Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X