Quantcast
facebook rss

“Europa con Emma Bonino”
Si presentano i candidati
C’è anche l’ascolana Antonucci

ASCOLI - Con lei, nel collegio "Marche 1", anche Michele Governatori, Enzo Gravina e Raffaella Stacciarini. «Non voglio essere complice della deriva antieuropeista e nazionalista e voglio combattere l’astinenza al voto che è più diffusa forse tra le donne»
...

I candidati di “+ Europa con Emma Bonino” durante la presentazione da Rinascita ad Ascoli

di Stefania Mistichielli

Michele Governatori, Tiziana Antonucci, Enzo Gravina e Raffaella Stacciarini. Questi i nomi dei candidati alla Camera nel collegio Marche 1 per “+ Europa con Emma Bonino”. «Mi rimetto in gioco anche questa volta nonostante avrei lasciato questo compito ad altri – ha esordito l’ascolana Tiziana Antonucci durante la conferenza stampa di presentazione dei candidati – perché non voglio essere complice della deriva antieuropeista e nazionalista che sta dilagando in tutti i paesi dell’Europa. Inoltre, voglio combattere l’astinenza al voto che, sottolineava la stessa Emma Bonino, è più diffusa forse tra le donne: dopo tante lotte per l’ottenimento di diritti per le donne, il fatto che tante vi rinuncino adesso mi spaventa».

Capolista è Michele Governatori, 45 anni, impegnato sul lavoro nel settore dell’ambiente. Dice di sé di essere radicale da sempre, liberale e ambientalista. «Siamo europeisti – spiega – perché pensiamo che le sfide di oggi abbiano una soluzione europeista. I flussi migratori e i problemi legati alla globalizzazione, al commercio, alla difesa, all’economia non si risolvono con la chiusura dei confini, ma all’interno di un contesto che sia almeno europeo. I nostri competitors vogliono farci credere il contrario, senza capire che l’uscita dall’Europa per l’Italia può significare solo il fallimento».

Legalizzazione delle droghe e immigrazione. Questi i temi cari ad Enzo Gravina, marchigiano d’adozione, specializzato nella cura delle dipendenze patologiche. «Dal punto di vista delle battaglie nazionali – spiega Gravina – nell’ultimo anno abbiamo portato avanti quella della legalizzazione delle droghe e la campagna “ero straniero”, per il superamento della Bossi-Fini. Questioni apparentemente diverse ma che sono la stessa cosa: per entrambe i nostri avversari credono che il divieto sia la soluzione, mentre non è così. Non lo è per la droga, che se c’è domanda in qualche modo arriva, alimentando il mercato illegale e aumentando il numero dei morti, e non lo è per i movimenti migratori, visto che chi è disperato trova in ogni caso vie per fuggire ed entrare nei nostri paesi. In entrambi i casi, la soluzione è la regolamentazione. Per quanto riguarda l’immigrazione, scegliere di governarla anziché cercare di arginarla può farla diventare addirittura un’opportunità per il paese».

La più giovane tra i candidati è Raffaella Stacciarini, 28 anni, candidata anche per il collegio Marche 2. «Radicale da un po’, attiva da un anno – racconta – da quando abbiamo ridato vita all’associazione Radicali Marche. Abbiamo lavorato molto nella campagna “ero straniero”, anche con appelli ai sindaci e ai presidenti delle Province per l’adozione dello Sprar, e abbiamo fatto iniziative nelle carceri dove abbiamo toccato con mano la situazione della droga in Italia: un terzo dei detenuti era dentro per reati di droga e, di questi, la maggior parte erano stranieri. Come dire che marginalizzare il migrante equivale ad offrire bassa manovalanza alla malavita».

Candidati alla camera per il collegio “Marche 2” sono il capolista Matteo Mainardi, Massimiliano Di Pasquale e Alessandra Ancona.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X