Quantcast
facebook rss

L’ex bianconero Mattia Biso
ingaggiato dalla Pergolese:
prima volta da allenatore

CALCIO - Il centrocampista giramondo (18 squadre in 20 anni) in Eccellenza cercherà di salvare i pesaresi dalla retrocessione. Nell'Ascoli (48 presenze e 3 gol) giocò in B ma anche in A con Giampaolo e Silva. Mercoledì l'esordio in panchina
...

di Andrea Ferretti

Novità nel campionato dilettanti di calcio di Eccellenza dove la Pergolese, a due giornate dal termine e in piena zona retrocessione, ha esonerato l’allenatore Manuelli e ingaggiato Mattia Biso, 41 anni il 6 maggio, ex calciatore dell’Ascoli (8 presenze e 1 gol in A con Giampaolo e Silva nel 2005-2006, 40 presenze e 2 gol in B nel 2003-2004 e 2004-2005) ma anche di tante altre squadre.

Mattia Biso ai tempi del Frosinone

Quella di Biso è stata una carriera lunga, quasi formidabile, conclusa alla soglia dei 40 anni. Ha giocato in tutte le categorie, con 18 diverse squadre: forse è un record. Con l’Ascoli, ma anche con il Catania, ha conosciuto sia la serie A che la serie B. Ma in B ha giocato anche con Spezia e Frosinone.

In serie C ha vestito invece le maglie di Carrarese, Tempio, Lecco, Andria, Faenza, San Marino, Mestre, Teramo e Monza. E in serie D quelle di Fidene, Civitanonese, Ancona, Bastia, Sangiovannese e, da ultima, quella della Fezzanese quando si è ritirato nel 2016. Biso è nato a Milano ma calcisticamente è cresciuto nelle giovanili della Sampdoria.

Biso è alla sua prima esperienza da allenatore e il suo sarà un esordio lampo perchè l’Eccellenza disputerà la penultima giornata della regular season (prima di playoff e playout) mercoledì 25 aprile.

Biso quando giocava nel Catania

Biso sarà per la prima volta in panchina nella gara interna contro la Forsempronese. Nello stesso campionato, scontro al vertice Porto d’Ascoli-Atletico Gallo, seconde a pari punti dietro la capolista Montegiorgio. I rivieraschi, in caso di vittoria (e di un passo falso della capolista Montegiorgio a Tolentino), hanno la possibilità di conquistare la vetta della classifica. Per quanto riguarda le altre due picene, il Grottammare spera nel miracolo ma sarà dura agganciare i playoff, mentre gli ascolani del Ciabbino per evitare i playout devono vincere entrambe le partite rimaste e sperare nelle disgrazie altrui.

Il quadro completo della 29^ di ritorno, tutte le partite iniziano alle ore 16,30: Atletico Alma-Porto Sant’Elpidio (arbitro Santucci di Jesi), Porto d’Ascoli-Atletico Gallo (Perillo di Napoli), Camerano-Biagio Nazzaro (Eremitaggio di Ancona), Marina-Ciabbino (Renzi di Pesaro), Pergolese-Forsempronese (Ubaldi di Fermo), Barbara-Grottammare (Signorelli di Paola), Montegiorgio-Tolentino (Tassi di Ascoli), Loreto-Urbania (Gagliardini di Macerata). La classifica a 180 minuti dalla fine: Montegiorgio 57 punti, Porto d’Ascoli e Atletico Gallo 54, Tolentino 42, Forsempronese 41, Atletico Alma e Grottammare 38, Porto Sant’Elpidio 37, Camerano e Biagio Nazzaro 35, Urbania 34, Marina 31, Ciabbino 30, Pergolese 26, Barbara e Loreto 24.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X