Quantcast
facebook rss

Un sollievo prima del gran finale
In cinquecento spingono il Picchio

SERIE B - Cori contro la società, ma sostegno incondizionato alla squadra. Sugli spalti anche Soncin (in curva con gli ultras) e Cassata. Il triplice fischio accolto da una ovazione. Sabato si attende la decisione per l’apertura della nord nella gara di ritorno
...

Soncin tra i tifosi dell’Ascoli

di Claudio Romanucci

Testa già a giovedì. Inutile nasconderlo. I riflettori dello stadio di Chiavari si spengono e la testa degli oltre cinquecento tifosi (foto sopra) va già all’ultimissimo giudizio del campo del 31 maggio al Del Duca. Lo 0-0 viene accolto con il giusto ottimismo dai sostenitori bianconeri, saliti in Liguria in buon numero stavolta senza problemi di traffico lungo il tragitto (oltre 600 chilometri) come avvenne lo scorso maggio nella gara di campionato. All’ingresso delle formazioni, hanno lanciato il loro primo coro d’incitamento alla squadra e un “meritiamo di più” alla società per la sofferta stagione in corso. Prima del fischio d’avvio, tra i 4.400 spettatori, è stato salutato anche l’arrivo nel settore ospiti dell’ex Andrea Soncin e, alcuni minuti prima, dell’altro ex Picchio, Cassata, giunto per seguire la gara in tribuna.
La gara è stata un crescendo di tensione, col sostegno che s’è fatto maggiore con il trascorrere dei minuti. Il pubblico di casa, accorso sulla spina della promozione della società di casa che ha messo i biglietti di curva a 1 euro, ha sperato fino in ultimo nella zampata di La Mantia e compagni. Poteva valere la rottura del vantaggio della posizione in classifica nella regular season ma così non è stato. A fine gli aficionados bianconeri tirano un sospiro di sollievo e guardano avanti. Prima di risalire sui pullman, intonano ancora cori ostili contro la società. Per sabato si aspetta l’ok dalla Prefettura per l’apertura della curva nord, finalmente (forse) destinata al pubblico di casa.

Francesco Cassata saluta i suoi ex tifosi prima della gara


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X