facebook rss

Alberi “innaffiati” con la nafta
A rischio il verde
de “Lu fusse dei Funari”

SAN BENEDETTO - Un ippocastano è già morto e chi gestisce il Campo Fiore, dietro viale De Gasperi, ha già denunciato l’accaduto alla Forestale. Si spera di sorprendere il responsabile e fargliela pagare penalmente, finanziariamente e moralmente

Tracce di nafta ai piedi dell’albero

di Epifanio Pierantozzi 

Di certo c’è che non ama il verde: se quello degli alberi o dei leghisti è tutto da scoprire. Parliamo della persona che, ormai da mesi, ha deciso di “sterminare” gli alberi di ippocastano lungo via Umbria, sul bordo del marciapiede che a est delimita “Lu fusse dei Funari”.

L’albero seccato e privo di foglie

E’, questo dei Funari, uno spazio verde – attrezzato con casette e capannone per attività ricreative, giochi per bambini, un campo da calcetto sotto via Montello che costeggia l’Albula, e tanti alberi, prati e aiuole – salvato a stento, oltre sei lustri or sono, dallo scempio edificatorio in viale De Gasperi.
Infatti, e torniamo agli ippocastani, a forza di “innaffiare” l’aiuola che ne delimita il fusto, questo novello Attila ha fatto si che uno dei grandi alberi abbia perso le foglie e sia ormai ridotto a “legna da ardere”. Però non stanno bene neanche gli altri, compresa una giovane quercia, poiché, prima chi fa parte dell’associazione che gestisce il parco poi vigili urbani e Forestale, hanno rilevato la presenza di olio esausto o nafta usati come concime sulle radici.
Quasi certamente l’ippocastano ormai morto verrà sostituito, ma prima che torni “più alto, verde e ombroso di prima” ci vorranno decenni. Intanto si tengono d’occhio le altre piante, sperando di scoprire chi le innaffia con del “veleno” invece che con acqua. Non sarà facile beccare la persona responsabile, se ciò accadrà magari la pena sarà mite (ma non l’ammenda), ma il disprezzo di chi frequenta il “campo Fiore” non avrà uguali.

Il parco


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X