facebook rss

Sestieri in fermento in vista
delle Giostre numero 87 e 88

ASCOLI - La rievocazione storica compie 64 anni e il countdown della Quintana 2018 è già scattato. Si mettono a punto i preparativi in vista delle Giostre del 14 luglio e del 5 agosto. E la prossima settimana tornano in scena i cavalieri con le prove a porte chiuse

Il Campo dei Giochi (da quintanadiascoli.it)

di Andrea Ferretti

I Sestieri affilano le armi. La Quintana di Ascoli si avvicina e, come da tradizione, fervono i preaparativi per allestire al meglio le edizioni numero 87 (luglio) e 88 (agosto) della rievocazione storica che quest’anno taglia il traguardo dei 64 anni. Preparativi che, soprattutto nei sei Sestieri, camminano di pari passo. Da una parte tutto ciò che riguarda la rievocazione storica strettamente intesa (corteo e Giostra), dall’altra le manifestazioni collaterali che tengono viva l’attenzione in attesa delle due date clou: 14 luglio (notturna in onore della Madonna della Pace) e 5 agosto (edizione canonica in onore del patrono Sant’Emidio).

Una delle esibizioni dei vecchi sbandieratori e tamburini a “Sestieri all’erta” (Foto Vagnoni)

Finora sono stati 23 gli anni in cui si è corsa una doppia edizione. Si cominciò nel 1960 con quella straordinaria a Roma in occasione delle Olimpiadi, poi si tornò alla canonica, unica, di agosto fino al 1994 quando – era il Quarantennale – si decise di organizzarne una a luglio (domenica 17). Poi ancora due anni alla vecchia maniera e quindi, dal 1997, via libera alla doppia edizione ogni secondo sabato di luglio con quella di agosto ancorata alla prima domenica di agosto. L’edizione di luglio venne inserita in calendario con l’obiettivo di “portare turisti dalla costa ad Ascoli”, ma si contano di più le volte in cui questo obiettivo è stato sfiorato che non centrato. Ascoli e la Quintana ci riprovano, anche se affidare la promozione della rievocazione quasi esclusivamente al web (come avviene ormai da diversi anni) non sempre permette di raggiungere lo scopo prefisso. Prima o poi, insomma, occorrerà mettersi a tavolino con le associazioni albergatori che operano sul litorale (non solo San Benedetto) per studiare pacchetti ad hoc. L’operazione va ovviamente fatta in tempi non sospetti e magari potrebbe essere l’occasione per scambiarsi gli auguri di Natale.

Il “Giuramento dei Consoli” si è svolto in Piazza del Popolo

Dopo “Sestieri all’erta” – manifestazione che può solo migliorare e crescere – ogni Sestiere sta provvedendo a rimpinguare i propri magazzini in vista delle serate in taverna. Ma è anche il tempo delle presentazioni delle dame (moda esplosa nel nuovo millennio affidandosi sia al web che al live), ma soprattutto è tempo di prove dei cavalieri i quali – è sempre meglio ricordarlo – sono i veri protagonisti della Quintana al di là di taverne, gare sbandieratori/musici, gare arcieri e tanto altro. La prossima settimana sono proprio i cavalieri a tornare protagonisti con nuove prove al Campo dei Giochi. Sono prove a porte chiuse, ovvero accessibili solo agli addetti ai lavori e quindi chiuse al pubblico. Si svolgeranno lunedì 18 e martedì 19 giugno secondo qeusto calendario che prevede l’utilizzo di pista e moro per due ore a testa. Lunedì 18: ore 8 Porta Romana, ore 16 Sant’Emidio, ore 18,30 Piazzarola. Martedì 19: ore 8 Porta Tufilla, ore 10,30 Porta Solestà, ore 18,30 Porta Maggiore.

(da quintanadiascoli.it)

Quest’anno i cavalieri che si sfideranno sulla pista sempre più simile a un circuito di Formula Uno sono Luca Innocenzi (Porta Solestà) campione in carica e recordman con 11 vittorie su 23 partecipazioni; Fabio Picchioni (Porta Romana) 2° lo scorso anno con uno score di tre secondi posti e una vittoria nelle prime quattro uscite; Massimo Gubbini (Porta Tufilla) che torna dopo l’infortunio che lo tenne out nel 2017 forte di 5 successi in 18 Quintane; Enrico Giusti (Sant’Emidio), 42 anni, il veterano del gruppo che dovrebbe giostrare ad agosto lasciando la Quintana di luglio all’esordiente Riccardo Raponi; Nicholas Lionetti (Piazzarola), 19 anni, anche quest’anno il più giovane; Mattia Zannori (Porta Maggiore) che esordì un anno fa. Il ranking è completato da due “secondi”: Lorenzo Melosso (Porta Romana) e Roberto Maurizi (Piazzarola), il primo 17enne di Ascoli, il secondo 30enne di Castel di Lama.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X