facebook rss

Casa di Alice, tutti assolti
Finisce l’incubo per gli operatori

FERMO - I fatti risalgono al 2014 quando gli addetti del centro per autistici finirono agli arresti a seguito di un'indagine condotta dai carabinieri e dalla Procura

E’ stata emessa martedì pomeriggio dai giudici del tribunale di Fermo (presidente Vitali Rosati, a latere Bondi Ciutti e Manfrè) la sentenza di assoluzione nei confronti dei cinque operatori del centro per ragazzi autistici di Grottammare denominato “Casa di Alice” arrestati e poi finiti a processo con l’accusa di aver utilizzato dei metodi non proprio “ortodossi” nei confronti degli ospiti.

Il tribunale di Fermo

Sono stati assolti per insufficienza di prove e perché il fatto non costituisce reato. Non sarebbe stato quindi riscontrato il “dolo”, l’intenzionalità nei comportamenti adottati. I fatti risalgono al 2014. L’accusa aveva chiesto pene variabili tra i 6 e i 4 anni e mezzo. «Siamo ovviamente molto soddisfatti dopo il calvario a cui erano stati sottoposti gli imputati (4 donne e 1 uomo) -commenta Francesco Voltattorni, uno degli avvocati difensori degli imputati- Il tribunale ha dato una buona lettura delle carte processuali. Mi riservo per domani (mercoledì, ndr) un commento più approfondito»


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X