facebook rss

L’Ascoli alla Bricofer: affare fatto
Manca solo la firma sul contratto,
ma sembra ormai imminente

SERIE B - Trovato l'accordo (un milione in 5 anni) per l’utilizzo del “Picchio Village”. Lovato e Tesoro: sopralluogo al "Del Duca" e al centro sportivo. Allenatori: la sorpresa è Suazo che debutterà sulla panchina del Brescia

Francesco Bellini e Massimo Pulcinelli

di Bruno Ferretti

L’accordo fra Ascoli Picchio e Bricofer Italia è ormai cosa fatta. Anche sugli ultimi dettagli c’è l’intesa e non resta che andare dal notaio per firmare il passaggio di proprietà. Potrebbe accadere nelle prossime 24-48 ore quando la delegazione della Bricofer avrà riferito al presidente Massimo Pulcinelli. Uno degli ostacoli era il canone di affitto del “Picchio Village” (altri 9 anni a 220.000 euro l’anno). La convenzione sarebbe stata ridotta nella durata (5 anni) e nel prezzo (200.000 euro): insomma un milione in 5 anni. C’era poi da risolvere il problema dei contratti dei dipendenti, giudicati eccessivi dalla nuova proprietà. E pare che anche su questo sia stata trovata un’intesa. Bellini è determinato a cedere l’Ascoli Picchio, altrettanto la Bricofer ad acquistarlo e quando c’è la comune volontà, una soluzione si trova.

Il diesse Antonio Tesoro

Accompagnato da Gianni Lovato, il nuovo direttore sportivo Antonio Tesoro ha visionato lo stadio “Del Duca” e il “Picchio Village”. Pare che siano stati anche a visitare la sede in corso Vittorio Emanuele. Lovato l’avrà trovata molto cambiata rispetto a due anni fa quando c’era ancora lui come dg, perché Bellini ha fatto eseguire una serie di lavori. Ora la sede del Picchio ha un aspetto completamente diverso.

RISCATTI E PRESTITI – E’ scaduto oggi il termine per esercitare il diritto di riscatto. L’Ascoli forse lo ha fatto solo per Pinto con il Parma, lasciando Clemenza (alla Juve), Monachello (all’Atalanta) e D’Urso (alla Roma). Lasciano la società bianconera per fine prestito Kanoutè (torna al Pescara) e Cherubin (al Verona). Mogos piace a Sassuolo e Chievo, quindi potrebbe salire in Serie A, mentre Addae resta nel mirino della squadra araba del Qatar. Agazzi e Martinho sono liberi di decidere perchè nei loro contratti c’è una clausola che prevede l’automatica conferma in caso di salvezza. Il portiere ad Ascoli si è trovato bene ma pare abbia intenzione di riavvicinarsi a casa in Lombardia.

David Suazo all’esordio da allenatore

MOVIMENTO ALLENATORI – Tutti confermati i tecnici delle 4 squadre neo promosse in B: Bisoli a Padova, Sottil a Livorno, Liverani e Lecce e Braglia a Cosenza. Marino oggi ha firmato per lo Spezia che non ha confermato Di Carlo. Il Venezia ha sostituito Pippo Inzaghi (passato al Bologna) con Vecchi, ex trainer della Primavera dell’Inter. Grosso ha lasciato il Bari per passare al Verona mentre l’ex attaccante bianconero Bucchi (dopo le esperienze a Perugia e Sassuolo) è stato ingaggiato dal Benevento. La scelta più sorprendente è quella del Brescia che ha affidato la panchina all’esordiente David Suazo, ex attaccante. Lo hanno scelto il presidente Cellino e il ds Marroccu, memori dei tanti gol realizzati dall’ex attaccante honduregno con il Cagliari. Ma fare l’allenatore… è un altro mestiere.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X