Quantcast
facebook rss

Calcio tra Sestieri
per ricordare Umberto Fattori
La prima edizione 40 anni fa

ASCOLI - Tra le due edizioni della Giostra, dal 22 al 25 luglio torna l'appuntamento sportivo molto sentito dai ragazzi. Quarant'anni fa (1978) la prima edizione e poi, dopo quella del 1979, un "buco" di oltre trent'anni
...

di Andrea Ferretti

Quintana è Giostra e corteo. A seguire, tutto il resto. Graduatorie, queste, fatte non dall’uomo ma dal tempo e dalla tradizione su cui si poggia la rievocazione storica. Negli anni sono subentrati altri eventi che si muovono a corollario della rievocazione (“segmenti” come amava definirli Giacinto Federici, indimenticabile storico segreterio dell’Ente Quintana) con l’obiettivo di aggregare le persone: tanti ragazzi e anche molte famiglie.

Il Palio del Torneo dei Sestieri

Scopo centrato, come testimoniano le scuole sbandieratori/musici dei Sestieri che proliferano tutto l’anno, le gare (locali e nazionali) degli sbandieratori, la sfida degli arcieri, le tavrne, le cene, le serate karaoke e chi più ne ha ne metta. Non passa sicuramente in secondo piano il torneo di calcio tra Sestieri che anche quest’anno – dal 22 al 25 luglio – si svolgerà al Centro sportivo Piceno (quartiere Tofare). Di fronte le squadre che si contenderanno il Palio del “Memorial Umberto Fattori 2018”. Una iniziativa voluta dalla famiglia anche per ricordare colui che (insieme al suo amico Peppe Capriotti, anche lui prematuramente scomparso) organizzò per primo il “Torneo dei Sestieri” (calcio a undici al campo Squarcia) che ebbe molto successo anche per lo spessore tecnico delle squadre dove confluì il meglio del calcio ascolano, compresi calciatori locali che giocavano altrove come professionisti.

Vennero organizzate due sole edizioni, nel 1978 e nel 1979, e quest’anno ricorre quindi il Quarantennale. I Sestieri a quel tempo scesero in campo con maglie uguali, ma diverse nei colori e soprattutto nella grande lettera sul davanti: bianche e rosse con una P (Piazzarola), gialle e blù con una S (Porta Solestà), rosse e azzurre con una R (Porta Romana), verdi e nere con una M (Porta Maggiore), verdi e rosse con una E (Sant’Emidio), rosse e nere con una T (Porta Tufilla). L’edizione 1978 la vinse Porta Romana, quella del 1979 Sant’Emidio. Poi un lunghissimo stop e, qualche anno fa, si ricominciò. Questi i due gironi del torneo 2018. Girone A: Porta Romana, Piazzarola, Porta Tufilla. Girone B: Porta Solestà, Sant’Emidio, Porta Maggiore. Le partite: domenica 22 luglio Solestà-Maggiore (ore 21) e Piazzarola-Tufilla (22); lunedì 23 luglio Romana-Tufilla (21) e S.Emidio-Solestà (22); martedì 24 luglio Piazzarola-Romana (21) e Maggiore-S.Emidio (22). Mercoledì 25 le tre finali a partire dalle ore 20.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X