facebook rss

Serie B, sono cinque i nuovi arbitri
Nicchi promuove Chiffi e La Penna in A

CALCIO - I “fischietti” che salgono dalla Lega Pro entrano nella squadra del designatore (riconfermato) ascolano Morganti. Il presidente dell'Aia: «Per il Var in B bisogna valutare se ci sono le risorse tecniche e finanziarie»

di Bruno Ferretti

Anche per gli arbitri, ovviamente, con il primo luglio inizia la nuova stagione 2018-2019. E anche fra gli arbitri, di tutte le categorie, ci sono promossi e bocciati ovvero dismessi: per raggiunti limiti di età oppure per scelta tecnica.

Marcello Nicchi

Arbitri e assistenti, come noto, nel corso del campionato vengono giudicati dai Commissari inviati sui campi a valutare le loro prestazioni. Due i “fischietti” promossi in Serie A: Daniele Chiffi di Padova e Federico La Penna di Roma, nonché 5 assistenti. Prendono il posto di Damato e Tagliavento, che lasciano per limiti anagrafici (a quest’ultimo sarebbe stato offerto un ruolo dirigenziale nella Ternana). Esce di scena anche Gavillucci di Latina per valutazioni tecniche, insomma una bocciatura. L’arbitro veneto Chiffi ha diretto 6 volte l’Ascoli con il seguente bilancio: 3 vittorie bianconere, 2 sconfitte, un pareggio.

Emidio Morganti

La promozione di La Penna ha scatenato la reazione del Palermo che accusa l’arbitro romano di aver favorito il Frosinone nel ritorno della finale playoff per salire in A. Ironiche “congratulazioni” sono arrivate da Palermo a La Penna. Quest’ultimo ha diretto 7 volte l’Ascoli (fra cui l’ultima partita di campionato al “Del Duca” contro il Brescia, finita 0-0) con il seguente bilancio: 3 vittorie dei bianconeri, 2 pareggi e 2 sconfitte.

Daniele Chiffi

Questi, invece, i 5 anni promossi dalla Can di Lega Pro alla Can B: Federico Dionisi (29 anni) di L’Aquila, Lorenzo Maggioni (34) di Lecco, Luca Massimi (29) di Termoli, Alessandro Prontera (32) di Bologna e Manuel Volpi (30) di Arezzo. Questi 5 arbitri entrano nella squadra dell’ascolano Emidio Morganti, confermato designatore della Serie B.

Nel corso dell’assemblea di fine stagione, il presidente dell’Aia, Marcello Nicchi, ha annunciato che il Var (Video assistant referee) non sarà introdotto nel campionato di B, almeno nel prossimo campionato: «E’ necessario prima valutare se ci sono le possibilità tecniche e finanziarie – ha detto Nicchi – il problema va affrontato prima in Federazione e in Lega B. Inoltre allo stato attuale l’organico degli arbitri non è sufficiente. Comunque se ne riparlerà. Il Var in Serie A ha avuto effetti molto positivi: ci sono state 10 espulsioni in meno per proteste e il 20% in meno di ammonizioni».

Federico La Penna

MOLTE SQUADRE A RISCHIO – Le due squadre pugliesi, come noto, rischiano la retrocessione in serie C ma intanto hanno presentato la domanda di iscrizione al campionato di B. Il Foggia – sub judice in attesa della sentenza di primo grado – ha assunto come allenatore Grassadonia (ex Salernitana, ex Pro Vercelli) al posto di Stroppa, passato al Crotone, inoltre ha lanciato la campagna abbonamenti. Il Bari, al posto di Grosso (passato al Verona) sta per ingaggiare Zironelli, ex allenatore del Mestre. Sicuramente out il Cesena, rischia l’Avellino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X