facebook rss

E’ tutto pronto per la trentunesima
edizione della “Ragnoliade”

SAN BENEDETTO - Oltre 200 giovanissimi impegnati in attività ludico-sportive, si inizia sabato prossimo 7 luglio. "Una manifestazione che ha una identità che va oltre lo sport ed è legata alla sfida delle emozioni che si possono vivere solo da bambini" dice Nicola Mozzoni, importante partnership con l'Avis di San Benedetto

di Benedetto Marinangeli

Sta per accendersi la fiaccola della  31esima edizione della Ragnoliade. Il via è in programma sabato prossimo per chiudersi il 21 luglio. L’evento, patrocinato dal Comune di San Benedetto, è la manifestazione più longeva del quartiere Ragnola, esempio di collaborazione tra associazioni, istituzioni, famiglie, volontari, comitato di quartiere per la formazione e la crescita all’ insegna della sportività e della solidarietà di oltre 200 bambini e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado che si sfideranno negli impianti sportivi cittadini.

«La Ragnoliade –dice Nicola Mozzoni, presidente dell’ Asd Amici della Ragnoliade– ha una identità che va oltre lo sport ed è legata alla sfida delle emozioni che si possono vivere solo da bambini. Per i piccoli è l’occasione di stringere nuove amicizie, gareggiare, cimentarsi in attività nuove condividere esperienze emozionanti con i pari età. Per i più grandi, invece, un appuntamento fisso di consolidamento  dei legami stretti negli anni precedenti ed il confronti con gli altri nelle attività ludico-sportive. L’edizione 2018 segna anche lo storico traguardo dei 31 anni. La compagnia del Ragno si presenta ancora al presente e si proietta al futuro. Una novità riguarda le gare che si andranno a disputare. Dopo 31 edizioni non ci sarà quella della costruzione dei castelli di sabbia che è sostituita dalla spider race un percorso ad ostacoli a squadre. Ed in questo contesto si inserisce anche la Festa del Quartiere Ragnola che si svolgerà dal 18 al 20 luglio prossimi».

Prosegue, poi, lo stretto rapporto di collaborazione tra la Ragnoliade e l’ Avis di San Benedetto del Tronto, partner principale della manifestazione. «Un legame –spiega Marco Foglia, tesoriere della locale sezione Avis- che è iniziato tre anni fa e che per la nostra associazione rappresenta un fiore all’ occhiello. La Ragnoliade è un momento elevato di sport ed aggregazione che rilancia  a livello locale il nostro marchio. Oltre ad essere presenti nei luoghi delle gare, sabato 21 luglio, consegneremo il premio speciale Fair Play Avis destinato ad una persona che si è messa in mostra per valori etici e morali. Sarà il comitato organizzatore a sceglierla».

«La Ragnoliade –aggiunge Giovanni Procacci, presidente del comitato di quartiere Ragnola- è molto importante per i giovani. Non solo dal punto di vista della formazione sportiva, ma soprattutto per le qualità umane e sociali. La festa del quartiere si inserisce in questo contesto e ne viene esaltata. Ringrazio l’associazione Amici della Ragnoliade perché ha fatto diventare questo appuntamento il fiore all’ occhiello non solo di Ragnola ma di tutta San Benedetto».

«I 31 anni della Ragnoliade –chiude la serie degli interventi il sindaco Pasqualino Piunti–  si incastrano con la posa della prima pietra della parrocchia Sacra Famiglia. Ragnola rappresenta la cerniera della città ed è una realtà virtuosa. Voglio ricordare Domenico Mozzoni che si è speso molto per questa manifestazione. Considerata la presenza di 230 bambini non poteva mancare il taglio sociale, con l’Avis che è sempre presente nei momenti aggregativi della città».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X