Quantcast
facebook rss

Ascoli, lunedì Pulcinelli firmerà
l’acquisto. Poi incontrerà Tosti,
Lovato e il sindaco per lo stadio

SERIE B - Il numero uno della "Bricofer" atteso nel capoluogo piceno per firmare l’atto notarile. Resterà due o tre giorni e prima tornare a Roma terrà una conferenza stampa. Intanto trema il Parma che può perdere la Serie A
...

di Bruno Ferretti

Massimo Pulcinelli, primo azionista e presidente di “Bricofer Italia”, è atteso ad Ascoli lunedì 9 luglio. Secondo indiscrezioni  resterà almeno due giorni, forse tre,  che gli serviranno per definire con atto notarile l’acquisto delle quote azionarie di Bellini (qualcosa più del 90%), per adempiere altri atti amministrativi e, non ultimo, per prendere contatto con la città.

Massimo Pulcinelli

Pulcinelli incontrerà ovviamente Giuliano Tosti, candidato a diventare presidente e secondo maggiore azionista, Gianluca Ciccoianni azionista di minoranza e Gianni Lovato che è già entrato in funzione nella veste di direttore generale, ruolo che ha ricoperto nei primi due anni della gestione Bellini, ovvero fino all’estate 2016. Ma è probabile che Pulcinelli incontri anche il sindaco Guido Castelli e l’assessore allo sport Massimiliano Brugni, per esaminare con loro la questione stadio. I lavori per la ricostruzione della Tribuna Est si sono prolungati molto più di quanto si poteva ipotizzare e sono lievitati i prezzi: dai 2,5 milioni di spesa previsti in partenza, siamo arrivati a 4 milioni. E forse la spesa crescerà ancora un po’. La Tribuna Est – già intitolata a Caro Mazzone – di sicuro non sarà agibile per l’inizio del prossimo campionato (25 agosto): si parla di fine anno. Chissà. Pulcinelli, prima di tornare a Roma, terrà una conferenza stampa per presentare programmi e organigramma della società.

La “Bricofer” è un’azienda di livello nazionale e questo dovrebbe essere una garanzia per l’Ascoli: un’azienda di tale livello non può rovinare la propria immagine con il calcio: il popolo bianconero si augura che, con questa premessa, venga allestita una squadra in grado di disputare un campionato decoroso, che non debba aspettare l’ultima partita per salvarsi.

Calaiò, attaccante del Parma

BARI E PARMA TREMANO – Il Bari sta lottando contro il tempo per evitare l’incubo di un altro fallimento. Il patron Cosmo Giancaspro oggi avrebbe ricapitalizzato, coprendo le perdite e, quindi, mettendo in salvo il Bari 1908. Giancastro avrebbe pagato gli stipendi arretrati e versato i relativi contributi previdenziali. L’azionista di maggioranza adesso sarebbe impegnato a trovare un imprenditore a cui vendere il club. Qualche contatto ci sarebbe già stato. Il Parma è in ansia perché rischia di perdere la serie A appena riconquistata. La Procura Federale ha deferito l’attaccante degli emiliani Calaiò per illecito sportivo e la società Parma per responsabilità oggettiva “per aver posto in essere atti diretti ad alterare il regolare svolgimento e il risultato finale della gara Spezia-Parma del 18 maggio”. Calaiò prima dell’ultima, decisiva partita di campionato a La Spezia, ha inviato messaggi sms a due calciatori della squadra ligure, De Col e Terzi, invitandoli a non usare le maniere forti. Il tono dei messaggi può sembrare anche scherzoso ma il contenuto è chiaro, e la Procura ha ravvisato gli estremi per il deferimento di Calaiò per illecito sportivo, avendo tentato di ottenere un minore impegno agonistica da parte degli avversari Filippo De Col e Claudio Terzi, per assicurare alla propria squadra il risultato favorevole. “Nutriamo la massima fiducia sul fatto che questa indagine certificherà ulteriormente come la terza promozione consecutiva altro non è stata che un fantastico traguardo raggiunto grazie al lavoro”. Il Parma ha vinto (0-2) grazie anche ad un rigore sciupato da Gilardino ed è stato promosso in Serie A. Nessuna conseguenza per lo Spezia che era già salvo. Se Calaiò sarà riconosciuto colpevole verrà squalificato, e il Parma avrà almeno 2 punti penalizzazione per responsabilità oggettiva. In questo caso verrebbe scavalcato nella classifica finale dal Palermo che salirebbe al suo posto in Serie A.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X