facebook rss

Camionista a terra, salvato
da un agente della Fifa security

FERMO - L'agente Giulio Argentini dell'istituto di vigilanza di San Benedetto ha soccorso l'autotrasportatore ed ha allertato il 118. Sul posto la Croce verde di Fermo

Era impegnato in uno dei suoi giri ispettivi quando ha notato il portellone del camion aperto. E così, dopo essersi fermato per un controllo di routine, l’agente Giulio Argentini è voluto andare avanti. Ha cercato il camionista per accertarsi che tutto fosse in regola. E lo ha trovato a terra.

Questa notte Giulio Argentini, agente dell’istituto di vigilanza privata, Giulio Argentini, intorno alle 2, si è fermato in via Beni per dei controlli su delle attività commerciali. Lì ha notato un camion con il portellone posteriore aperto. E così si è avvicinato e ha iniziato a cercare il camionista per verificare che tutto fosse in regola, o magari solo per un saluto. Ha iniziato a chiamare l’autotrasportatore e quando non ha ricevuto alcuna risposta si è insospettito. In quel momento ha visto l’uomo a terra, semicosciente.

Argentini a quel punto lo ha soccorso ed ha immediatamente allertato il 118. Sul posto sono così arrivati i sanitari della Croce verde di Fermo che, dopo le prime cure sul posto, hanno trasportato l’uomo in ospedale. Ancora non si sa il perché il camionista fosse riverso sul pavimento, forse una caduta.

Salvatore Frassino

«Grazie all’intervento professionale del nostro agente Giulio Argentini – spiega, contattato telefonicamente il brigadiere Salvatore Frassino, responsabile Fifa security di Fermo – tutto è finito nel migliore dei modi. Intervento professionale, sì, perché i nostri agenti sono pronti a tutto, a ogni evenienza, preparati alla rianimazione come al soccorso in generale o agli incendi, tanto per dirne alcune. Prima di entrare in servizio – spiega Frassino – devono frequentare un corso di 54 ore tenuto da docenti appartenenti alle forze dell’ordine e nostri esperti. Noi guardie giurate viviamo il lavoro spesso in solitudine e, umanamente, capiamo e siamo in sintonia con chi, come i camionisti, lavora in solitaria».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X