facebook rss

Sballo in mare,
salvati tre giovani

GROTTAMMARE - Gli autori delle bravate che potevano avere conseguenze drammatiche sono stati messi in salvo dagli addetti dell'Assistenza bagnanti e poi dai soccorritori della Misericordia e da quelli del 118. Uno aveva in tasca dosi di metadone

Due bravate, a Grottammare e Cupra Marittima, e tre ragazzi hanno rischiato grosso, alla ricerca dello sballo per forza, un divertimento oltre i limiti, un’occasione per contrastare a caro prezzo un’immotivata noia. Venerdì intorno alle 16,30 un ragazzo è sceso in spiaggia in una zona centrale di Cupra Marittima e, senza un apparente motivo, ha iniziato sbattere la testa contro il bagnasciuga riportando fratture facciali fino quasi a soffocare con il suo stesso sangue fuoriuscito dal naso. Immediato l’intervento dei ragazzi della cooperativa “Assistenti bagnanti” i quali, in tre, sono riusciti a immobilizzarlo fino all’arrivo dell’ambulanza. Erano Giammaria Narcisi, Martina Angelici e Cristian Mannocchi. Quest’ultimo, che è anche soccorritore del 118 di Montefiore dell’Aso, ha provveduto prima da solo e poi con gli operatori sanitari a liberare dal sangue le vie aeree dello sfortunato ragazzo che subito dopo è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di San Benedetto. In tasca aveva quattro dosi di metadone.

Sabato intorno alle 18,40, invece, due giovani sono svenuti in contemporanea in riva al mare. E’ avvenuto nella zona nord di Grottammare. Uno sulla battigia, l’altro in acqua a faccia avanti rischiando quindi di annegare. L’assistente di terra ha subito dato l’allarme e i bagnini Francesco Buttafuoco e Leonardo Di Lorenzo si sono precipitati in loro aiuto dalle loro torrette. La scena è avvenuta davanti a numerosi bagnanti tra cui un’ostetrica che ha prestato ai ragazzi le prime cure in attesa dei soccorritori della Misericordia giunti in pochissimo tempo, seguiti dall’ambulanza del 118. Prima del trasporto a sirene spiegate all’ospedale di San Benedetto è stato necessario stabilizzare i giovani e aiutarli con la respirazione in quanto non avevano ripreso del tutto conoscenza. I due fino a poco prima avevano dato il via ai festeggiamenti di Ferragosto con un pranzo, accompagnato evidentemente da qualche bicchiere di troppo, insieme ad altri amici nello vicino stabilimento balneare Baloo.

mng


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X