facebook rss

Città più sportive del 2018,
il Piceno è al 12esimo posto
E’ il calcio a tirare la volata

LA CLASSIFICA - Monitorate tutte le 107 province italiane da Clas-PTS Group e “Il Sole 24 ore”, sulla base di 30 indicatori. A farla da padrone, in quella di Ascoli, il  “calcio professionisti” che vale 987,31 punti e il secondo posto nella categoria "Sport di squadra". Punteggio totale in linea con l'anno scorso

di Maria Nerina Galiè 

Buon piazzamento per la provincia di Ascoli nella classifica delle città più sportive del 2018. Risulta al 12esimo posto delle 107 realtà monitorate da Clas-PTS Group in collaborazione con “Il Sole 24 ore”, sulla base di 30 indicatori di cui tre di carattere generale e gli altri divisi in tre sottocategorie: sport individuali, sport di squadra e sport e società.  Dal monitoraggio alle conclusioni, i dati raccolti sono stati messi in relazione con il numero degli abitanti e l’estensione delle aree.

Sport in piazza del Popolo ad Ascoli sotto l’occhio vigile di Ciccio Graziani

A pesare nell’indice di sportività ai fini della graduatoria ci sono il numero di tesserati e società sportive ma anche i risultati agonistici in tutte le discipline comprese le non olimpiche come automobilismo e motociclismo. E’ stato inoltre preso in considerazione il rapporto tra lo sport e la realtà economica e sociale dei singoli territori (sport femminile, dei bambini, amatoriale, la formazione per lo sport, l’informazione sportiva, lo sport e la disabilità, lo sport con il turismo e con l’ambiente). Il punteggio assegnato parte da un massimo di 1.000, spettato a Trieste. Al secondo e terzo posto, rispettivamente, Trento e Cagliari.  Sono 640,32 i punti assegnati ad Ascoli, preceduta da Torino (undicesima con 643,42 punti) e seguita da Parma (tredicesima con 633,21).
A farla da padrone nella provincia picena il  “calcio professionisti” che vale 987,31 ed un bel secondo posto nella categoria “Sport di squadra”. Non bene per il “calcio dilettanti” che annovera soltanto 198,50 punti e la posizione numero 77. Nell’ambito di “Sport e società”, il miglior piazzamento per Ascoli è l’ottavo posto per l’informazione sportiva (245,02 punti); il nono per il connubio sport e bambini (470,80) e diciassettesimo per sport e turismo (409,71).
Nelle Marche il podio 2018 è spettato a Macerata: settima con 695,95 punti. Ventesima Fermo in ragione dei 614,61 punti. Solo 499,01 punti per Pesaro-Urbino che pertanto troviamo al posto numero 45.
Spunti di riflessione vanno cercati nel confronto con gli anni immediatamente precedenti. Nel 2015 e 2016 il Piceno non si era schiodato dall’essere 41esimo con poco più di 500 punti. La rimonta nel 2017 con la 15esima posizione e con un punteggio però maggiore di quest’anno e valutato 666,16. Pertanto non è migliorata la provincia di Ascoli ma sono peggiorate le concorrenti.

Massimiliano Brugni, assessore allo sport del Comune di Ascoli

Un ottimo risultato comunque per il sindaco del capoluogo Guido Castelli che dice: «Al di là delle statistiche sono evidenti i benefici ottenuti per tutto il territorio. Sono aumentate le presenze dei turisti, anche grazie all’organizzazione di manifestazioni sportive di livello nazionale e internazionale, così come si è diffusa una maggiore consapevolezza da parte dei giovani dell’importanza dell’attività fisica, per condurre uno stile di vita sano e corretto. – spiega – Questi risultati ci gratificano e ci incoraggiano a continuare sul percorso già intrapreso. Ecco perché ci impegneremo, con nuovi investimenti, a migliorare l’impiantistica sportiva ed a supportare gli atleti, affinché possano raggiungere risultati importanti anche a livello agonistico». Ed elenca i lavori già avviati in questa direzione dall’amministrazione comunale ascolana, tra cui il Tirassegno, il Circolo Tennis Piceno, il Campo scuola, l’impianto per l’atletica pesante e il Palabasket. Un plauso alle associazioni sportive del Comune, «sempre in prima linea per la valorizzazione e la promozione dell’attività fisica», ed alle famiglie dei tesserati da parte dell’assessore Massimiliano Brugni che anticipa: «Anche per il 2018, abbiamo riproposto il progetto “Lo sport per tutti”, finalizzato all’erogazione di agevolazioni economiche per l’iscrizione dei ragazzi a corsi sportivi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X