facebook rss

Polisportiva Borgo Solestà
si rinnova nel segno
della continuità

ASCOLI - Il sodalizio gialloblù diventa una Srl e, con circa 300 iscritti, parteciperà a tutte le attività previste per la Scuola Calcio e il settore giovanile. Lavori in corso al campo di Monterocco: nuovo look per gli spogliatoi e una tribuna per duecento persone

La Polisportiva Borgo Solestà di Ascoli si rinnova nel segno della continuità. Si è infatti trasformata da Associazione sportiva dilettantistica a Società sportiva dilettantistica a responsabilità limitata inserendo nel direttivo giovani qualificati e dirigenti di comprovata esperienza. Per il terzo anno consecutivo il Borgo Solestà sarà Scuola Calcio Elite (nella provincia di Ascoli hanno questa qualifica solo i gialloblù, il Porta Romana e il Porto d’Ascoli) e la società parteciperà a tutti i tornei federali organizzati per scuole calcio e a tutte le categorie del settore giovanile, al campionato dilettanti di Terza categoria (forse Seconda perché stata inoltrata domanda di ripescaggio dopo la retrocessione) e al campionato Amatori della Figc.

Ciliegina sulla torta resta il progetto, portato avanti ormai da sette anni, di integrazione sociale e sportiva per i ragazzi disabili con lieve e media difficoltà psico-motoria denominato “Facciamo gol alla disabilità” che prenderà il via l’1 ottobre. Un progetto che, come avvenuto la scorsa stagione, anche quest’anno consentirà al Borgo Solestà di partecipare al Torneo di Quarta Categoria organizzato dalla Federcalcio, che nelle Marche ha visto confrontarsi quattro squadre. Inoltre la società, presieduta da Domenico Procaccini e che conta circa trecento iscritti, da quindici anni gestisce il campo sportivo di Monterocco, al momento l’unico impianto comunale in erba sintetica idoneo per lo svolgimento dell’attività dilettantistica in città. Una struttura dove sono in corso lavori di manutenzione straordinaria che sono in parte finanziati in parte dal Comune (parte della recinzione e manto in erba sintetica) e in parte dalla società. Obiettivo: spogliatoi più accoglienti e una tribuna con almeno duecento posti a sedere.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X