facebook rss

Tra terre di confine e Mediterraneo
ecco il festival più “verde” del Piceno

FOLIGNANO - Tanti ospiti per la seconda edizione di "Agricultura" che si terrà dal 7 al 9 settembre: Barbarossa, Ovadia, Solenghi, Diodato, Marco Papa e il duo Capuano-Esposito. Decine di eventi, convegni, laboratori, mostre e presentazioni di libri, tutto a ingresso gratuito. Il programma incentrato su temi nodali dedicati all'ecosostenibilità
...

La presentazione di “AgriCultura” 2018

di Luca Capponi 

Non solo big come Luca Barbarossa e Tullio Solenghi, ma anche laboratori su pane e oliva ascolana, una lezione-concerto sulla ciaramella, libri, convegni, progetti, cibo bio, mercatini e una passeggiata alla riscoperta del torrente Marino. Senza contare la bella lista di personaggi già annunciati che vede, oltre ai già citati, anche Moni Ovadia, Diodato e il duo Enrico Capuano-Tony Esposito.

Luca Barbarossa

Cresce l’attesa per il ritorno, siamo a due edizioni, di AgriCultura, festival “verde” che dal 7 al 9 settembre trasformerà Folignano, precisamente la zona di Villa Pigna, in una grande area dedicata a temi nodali come ambiente, natura, terra, raccolta differenziata. Il tutto arricchito da decine di eventi il cui filo conduttore scelto, “Terre di confine. Un racconto mediterraneo”, oggi suona più attuale che mai.
A presentare ufficialmente la kermesse c’è il suo creatore, ovvero l’assessore alla cultura Matteo Terrani, affiancato dal sindaco Angelo Flaiani e da alcuni dei partner, tra cui la Camera di Commercio col presidente Gino Sabatini, la Coop Alleanza rappresentata da Paola Senesi, la Vinea con Ido Perozzi, la proloco presieduta da Cinzia Ventili, Tommaso Tosti per gli eco-volontari e l’artista Barbara Tomassini, che durante il festival inaugurerà l’opera in legno, terracotta e ferro intitolata “La natura scrive”. Con loro anche la vicepresidente della Regione, anche assessore all’agricoltura, Anna Casini.
«A Folignano mancava una manifestazione di punta in grado di connotare e aggregare tutto il territorio. Che fosse un’idea interessante lo avevamo capito già lo scorso anno, quando registrammo migliaia di presenze come non se ne vedevano da anni. Oggi si torna, dunque, con un format ampliato e ulteriormente migliorato» spiegano in tandem Flaiani e Terrani, fieri di sottolineare come tra i meriti di “AgriCultura” ci sia anche quello di avere cementato associazioni, commercianti e volontari che stanno lavorando per la buona riuscita.

Tullio Solenghi

Nel ricco programma, che verrà inaugurato il 7 settembre alle 17 nell’area convegni, una serie di interessanti appuntamenti: i laboratori di slow food, ogni giorno alle  18,30, saranno dedicati a pane, oliva tenera ascolana e miele; altro appuntamento fisso quello delle 19 con i libri e affini, che vedrà protagonisti in ordine di apparizione Marco Papa con il dvd “I Kolossi di Marco Papa – 300 e 1/2” (lo stesso giorno il simpatico doppiatore abruzzese noto per le parodie dei film darà vita a “La vera storia di Iachille”, alle 21 in piazza Bolivar), Valerio Calzolaio con “Libertà di migrare” e Raffaella Milandri con “Liberi di non comprare”.
Momenti clou quelli serali in piazza Bolivar: il 7 settembre arrivano anche Esposito e Capuano con il loro trascinante live a suon di tammurriata rock (ore 22,30), mentre il giorno successivo ecco Ovadia con l’Odissea e “La  gara dell’arco” (alle 22), il live del talentuoso cantautore Diodato (ore 23) e lo spettacolo “Racconti di ordinaria magia” della Compagnia dei Folli (ore 00,30); il 9 finale con Solenghi e il “Decameron, un racconto italiano in tempo di peste” (ore 21,30) e il concerto di Barbarossa alle 22,30.
Da segnalare, poi, il momento organizzato dalla Camera di Commercio, che l’8 settembre alle 17 nell’area convegni premierà i “custodi della terra“, «agricoltori che per decenni hanno lavorato silentemente contribuendo a valorizzare e tenere vivo il nostro entroterra e che meritano  la gratitudine di tutti», come ha ben spiegato il presidente Gino Sabatini. La passeggiata sul sentiero riaperto che risale il torrente Marino fino a Castel Folignano si terrà l’8 settembre alle 9 con partenza da piazza Bolivar. Sempre in materia di fiumi, la Coop Allenza presenterà un bel progetto di pulizia e sensibilizzazione sul Tronto (il 7 settembre alle 19, area convegni).
E’ bene ricordare che tutti gli eventi di “AgriCultura” sono a fruizione gratuita. Tutto il programma, in cui si ben palesano anche molti artisti e musicisti locali, è consultabile sulla pagina Facebbok ufficiale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X