facebook rss

“Mad in Italy”, il thriller “piceno”
esce finalmente in dvd

ASCOLI - Dalle location al regista Paolo Fazzini fino alla scenografa Rachele Tombini ed al montaggio di Gianluca Paoletti, sono tante le componenti locali presenti nel film. Tra gli extra anche "Hanging Shadows", documentario sul cinema horror girato dallo stesso Fazzini

Paolo Fazzini

Dopo esser stato distribuito negli Stati Uniti esce finalmente anche in Italia (grazie alla distribuzione Home Movies) “Mad in Italy”, il thriller del regista ascolano Paolo Fazzini. Il film è stato interamente girato nella provincia di Ascoli nel 2010 ed anche se la produzione del film è romana, moltissimi sono stati i piceni coinvolti nella realizzazione, da Rachele Tombini per le scenografie a Valerio Carradori come assistente, da Gianluca Paoletti per il montaggio al gruppo rap Fog Prison per le musiche, fino ad alcuni attori come Maurizio Vannicola e Paolo Sciamanna.

La locandina del film

La confezione del dvd è particolarmente ricca in quanto, tra gli extra, è incluso anche “Hanging Shadows”, documentario di Fazzini incentrato sul cinema dell’orrore italiano che include interviste esclusive a Dario Argento, Ruggero Deodato, Michele Soavi, Lamberto Bava, Sergio Stivaletti, insomma a tutti quei registi che hanno fatto grande il cinema di genere negli ultimi decenni.
Fazzini è autore televisivo e regista. Tra i suoi documentari ricordiamo “Le Ombre della paura, – Il cinema italiano dell’orrore1960/1980” (2002), “Adolphe Sax’s dream – An history of the saxophone” (2003) e “Hanging Shadows- Perspectives on italian horror cinema” (2006), mentre per la televisione è autore di diversi programmi televisivi tra cui “L’altra metà del crimine” per La7 e “Crime crossing the line” per l’americana A&E Television. Come regista ha partecipato con l’episodio “L’uomo della folla” al film collettivo “P.O.E. – Poetry of eerie“, mentre “Mad in Italy” segna il suo esordio nel lungometraggio.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X