facebook rss

Samb: game over a Gorgonzola,
prima passa in vantaggio
poi si fa riprendere e superare

SERIE C- Il gol di Signori illude i cento tifosi rossoblù presenti in Lombardia. Il Giana Erminio capitalizza al meglio due evidenti errori difensivi. Magi le prova tutte per cercare di rimediare allo svantaggio ma senza alcun esito. Stanco non convocato per decisione della società, si attendono spiegazioni. Gli altri risultati e la classifica
...

di Benedetto Marinangeli 

Una sconfitta che potrebbe lasciare il segno in casa Samb. Il 2-1 di Gorgonzola va ad acuire una crisi iniziata sin dalla prima giornata e che ha trovato oggi il suo acme. Perdere ci può stare ma è il modo che fa arrabbiare tutti. Soprattutto i circa cento tifosi arrivati in Lombardia da San Benedetto che, al fischio finale, hanno chiamato i rossoblù sotto la curva per un confronto. Eloquente poi, l’abbraccio di Magi a tutti i calciatori, uno per uno, quasi che fosse un congedo. Ora bisognerà vedere quali saranno le decisioni della dirigenza. In quattro partite, la Samb ha soli due punti ed è in piena zona retrocessione, nonostante le sbandierate velleità per un campionato di vertice. Ma ciò che preoccupa maggiormente sono gli evidenti errori dei singoli e di squadra che oggi hanno permesso alla Giana Erminio di vincere la partita. Non si può prendere il gol del pareggio con sei uomini in area contro due degli avversari dopo un velleitario cross dalla sinistra. Non si può subire il raddoppio con un taglio centrale che nemmeno in terza categoria permettono di fare.

E dire che la difesa a tre offriva le migliori garanzie. Ma come dice un legge matematica, invertendo i fattori il prodotto non cambia. E’ anche sotto il profilo atletico che la Samb preoccupa. Giocatori sempre secondi sul pallone e presi sempre di infilata in velocità dagli avversari soprattutto sulla corsia destra dove Rapisarda per la prima volta in due anni è parso in serie difficoltà.
Non si capisce, infine, la mancata convocazione di Stanco. Il centravanti, sabato, aveva svolto la rifinitura ma poi non è salito sul pullman con destinazione Gorgonzola. Decisione presa dalla società con il tecnico che si trova privato di un elemento che seppure non al top della condizione vanta un’esperienza di spessore tra i professionisti. E l’assenza di un uomo di peso in avanti si è fatta sentire. Finora dalla dirigenza non è arrivata una comunicazione ufficiale. Di Massimo o Calderini non possono ricoprire questo ruolo. Entrambi infatti preferiscono agire sull’esterno. Ma neppure il giovane Minnozzi può sopperire all’assenza di un centravanti di categoria. Insomma tutte queste amenità tattiche e societarie alla fine pregiudicano l’intera situazione.
La Giana Erminio? Una squadra ricca di giovani di belle speranze e profondamente rinnovata rispetto alle passate stagioni, che ha svolto diligentemente il suo compito e finalizzato al meglio i regali della Samb. Conquista meritatamente i primi tre punti stagionali e guarda al futuro con maggiore ottimismo.
LA PARTITA – Samb con il 3-5-2 con Di Massimo e Calderini in avanti mentre a centrocampo non c’è Bove ma al suo posto ecco Gelonese. La Giana cambia modulo tattico rispetto al match di Fermo, tornando al 4-3-3 con il tridente formato da Iovine, Perna e Lunetta.  Al pronti-via subito un botta e risposta tra le due squadre, ma senza esito. Al 13’ viene annullato un gol ai lombardi per un fuorigioco di Lunetta che sei minuti dopo conclude sul fondo da buona posizione. Al 20’ è Sala ad opporsi egregiamente a Pinto. La Samb si fa vedere al 22’ con Di Massimo che esalta i riflessi di Leoni. Alla mezzora la Samb passa in vantaggio. Signori ruba palla sulla trequarti, taglia come il burro i centrali lombardi e batte l’estremo difensore di casa in uscita. La gara sembra incanalarsi su binari favorevoli all’undici di Magi. Ma al 42’ ecco il marchiano errore che ha permesso al Giana di pareggiare. Lunetta mette al centro un pallone alla spero in Dio, Ilari non interviene, la sfera passa in mezzo alle gambe di Miceli con Perna che non ha difficoltà a battere Sala. Si va così al riposo sull’1-1 con tante recriminazioni in casa Samb.
Nella ripresa al 10’ ecco il gol vittoria della Giana. Iovine verticalizza per Chiarello che passa centralmente, superando Zaffagnini e batte Sala in uscita. Magi al 15’ inserisce Minnozzi per Di Massimo, Cecchini per Gemignani e Russotto per Gelonese, passando al 3-4-3. Al 25’ è Ilari di destro a sfiorare il palo da ottima posizione, mentre alla mezzora una girata da Russotto viene murata, forse con un braccio da un difensore lombardo. In piena zona Cesarini è Zaffagnini su angolo di Russotto a fare tremare i tifosi locali. Al secondo di recupero, infine, Sala nega il tris al Giana respingendo una conclusione di Rocco.

GIANA ERMINIO (4-3-3): Leoni 6,5; Perico 6, Rocchi, Montesano, Lanini (27’st Seck); Chiarello (44’st Bonalumi) Della Bona Pinto (27’st Piccoli); Iovine Perna Lunetta (23’st Rocco). A disp.: Taliento, Marzeglia, Ababio, Pirola, Mandelli, Capano, Sosio, Piccoli. Mutton. All.: Bertarelli.

SAMB (3-5-2): Sala 6 ; Biondi 5, Miceli 5, Zaffagnini 5; Rapisarda 5, Gelonese 6 (15’st Russotto 6), Ilari 5,5, Signori 6,5 (35’st Bove sv), Gemignani 5,5 (15’st Cecchini 6); Di Massimo 5 (15’st Minnozzi 5), Calderini 6. A disp.: Pegorin, Rinaldi, Di Pasquale, Kernezo, Demofonti, Rocchi, Islamaj, De Paoli. All.: Magi.

ARBITRO: Cascone di Nocera Inferiore.

RETI: 30’pt Signori I(S), 42’pt Perna (G), 10’st Chiarello (G).

Note: spettatori 1.200 circa di cui un centinaio proveniente da San Benedetto. Ammoniti: Pinto (G), Della Bona (G), Russotto (S), Ilari (S), Calderini (S) e Rocchi (G). Angoli: 3-2 per la Samb. Recupero 1’+ 5’.

GLI ALTRI RISULTATI: Renate-Fermana 0-1, Rimini-Pordenone 2-2, Fano-Imolese 1-1, Albinoleffe-Triestina 0-0, Ravenna-Monza 1-0, Teramo-Gubbio 1-1, Vecomp Verona-Alto Adige 3-2, Vis Pesaro-Ternana 0-0, Feralpi Salò-Vicenza lunedì ore 20,45.

CLASSIFICA: Fermana e Pordenone 10 punti, Monza 9, Triestina e Alto Adige 7, Imolese 6, Rimini e Vis Pesaro 5, Renate, Giana Erminio e Ravenna 4; Vicenza, Gubbio, Teramo, Albinoleffe e Vecamp Verona 3, Fano e Samb 2, Ternana e Feralpi Salò 1.

MARCATORI: Candelllone (Pordenone) 4 gol; Olcese (Vis Pesaro), Giacomelli (Vicenza), Perna (Giana Erminio), Beccaro e Bracaletti (Triestina), Cori (Monza) 2 gol.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X