facebook rss

Calcio in lutto,
è morto Nicola Bovari
storico mediano della Samb

SI E' SPENTO a 73 anni all'ospedale di Civitanova dopo aver lottato a lungo contro la malattia. Protagonista negli anni '60 e '70 anche con le maglie di Inter, Bari, Maceratese, Anconitana, Rimini, Benevento e Tolentino. Poi allenatore delle squadre della sua Porto Potenza Picena, Porto Sant'Elpidio e Vis Macerata

 

Nicola Bovari

E’ morto stamattina a 73 anni all’ospedale di Civitanova (Macerata) dopo aver lottato a lungo contro una malattia. Il mondo del calcio regionale è in lutto per la scomparsa del portopotentino Nicola Bovari, uno dei suoi grandi interpreti negli anni ’60 e ’70 nel ruolo di mediano e in seguito allenatore a Porto Potenza, Potenza Pice­na, Porto Sant’Elpidio e Vis Macerata. Aveva iniziato all’oratorio della sua Porto Potenza, per poi esordire 16enne nella Sangiorgese. Si mette in luce a tal punto che viene subito convocato nella Nazionale Juniores (assieme a Gigi Riva) e, nel 1962 acquistato dall’Inter dove gioca e vince il campionato De Martino (riservato ai migliori giovani del vivaio e ai giocatori di riserva delle prime squadre o reduci da infortuni) e il Torneo di Viareggio accanto a giocatori del calibro di Maz­zola e Boninsegna. Dopo la preparazione con i neroazzurri viene ceduto al Bari di Maestrelli dove resta a lungo anche dopo la retrocessione in B con la parentesi nel 1966, quando durante la leva militare gioca con la Mace­ratese di Tony Giammarinaro nell’anno della lotta serrata per la promozione con il Perugia. Tornato a Bari, scende poi in Serie C alla Sambenedettese dove, come allenatori, ha avuto Alberto Eliani e poi Nicola Faccenda. In quattro stagioni a San Benedetto colleziona tre terzi posti giocando anche memorabili derby contro l’allora Del Duca Ascoli. Era pedina inamovibile di quella Samb collezionando ben 142 presenze in campionato e segnando anche 4 gol. Nell’ultima stagione, con la Del Duca Ascoli promossa in B, la formazione tipo di quella Samb era: Violo, Pilone, Catto, Beni, Anzuini, Bovari, Ripa, Valà, Carnevali, Piccoli, Antonioli. Nell’estate del 1972 Bovari si trasferì all’allora Anconitana, poi chiuse la carriera disputando un campionato nel Rimini (secondo dietro la sua Samb che venne promossa in B), e due nel Benevento con una piazza d’onore alle spalle del Lecce promosso in cadetteria. A Tolentino, infine, l’ultimo anno da giocatore, prima di diventare protagonista sulle panchine di Porto Potenza, Potenza Pice­na, Porto Sant’Elpidio e Vis Macerata. Lascia la moglie Giuseppina, i figli Elisabetta e Quirino e cinque nipoti. Il funerale sarà celebrato domani giovedì 11 ottobre alle ore 10,30 nella chiesa del Corpus Christi a Porto Potenza Picena (Macerata).


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X