facebook rss

Rimozione delle macerie, è ufficiale:
la gestione passa al Cosmari

PICENO - L’assemblea dei Comuni soci ha ratificato oggi la richiesta arrivata in queste settimane dalla Regione. La scelta è ricaduta sulla ditta pubblica che già si occupa dello smaltimento nel Maceratese, dopo che la Regione aveva revocato la concessione alla PicenAmbiente

Macerie ad Arquata

Le macerie del terremoto dei territori di Ascoli e Fermo saranno gestite dal Cosmari di Tolentino. L’assemblea dei Comuni soci ha ratificato oggi la richiesta arrivata in queste settimane dalla Regione. La scelta è ricaduta sulla ditta pubblica che già si occupa delle macerie del Maceratese, dopo che palazzo Raffaello ha revocato la concessione a PicenAmbiente a causa dei problemi nati dopo che un dipendente si era reso protagonista di un episodio di vero e proprio sciacallaggio sottraendo i beni ai terremotati anziché riconsegnarli ai proprietari. Il Cosmari ha ufficializzato il passaggio attraverso un comunicato stampa.
Dopo la proposta della Regione e del Soggetto attuatore del sisma, arrivata nelle scorse settimane, il direttore del Cosmari Giuseppe Giampaoli è andato in sopralluogo nei siti di smaltimento di Arquata del Tronto e Monteprandone per verificare lo stato dei lavori e dei macchinari. Cosmari avrà quindi in carico le macerie residue delle due province, stimate in circa 180.000 tonnellate, per un trattamento annuo massimo di 100mila tonnellate e un giro d’affari di circa 5 milioni di euro.
Il Cosmari si sta organizzando in modo da assolvere al nuovo incarico senza compromettere il lavoro già avviato nel cratere maceratese. Prevista inoltre una contabilità separata. Il consiglio d’amministrazione, spiega Cosmari, «è impegnato in un costante monitoraggio dei costi/ricavi del servizio, con facoltà di procedere alla revoca della concessione in caso dovessero manifestarsi squilibri nel servizio». Sindaci e delegati presenti all’assemblea hanno chiesto inoltre «massimo controllo sullo stato dei luoghi e degli impianti che saranno utilizzati per il trattamento delle macerie, evitando l’attribuzione di responsabilità a chi come Cosmari subentra per spirito di servizio e animato dalla massima volontà di collaborazione costruttiva con i territori interessati, come già ampiamente dimostrato nel maceratese». Come ultimo punto l’assemblea ha votato, sempre all’unanimità, la proroga al comune di Loreto per la sottoscrizione dell’importo sociale.

 

Macerie al Cosmari: «Nulla di ufficiale, prima il Cda» Spiragli per i lavoratori


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X