Quantcast
facebook rss

Madonna Virgo Fidelis:
Carabinieri e istituzioni
insieme in piazza

COMUNANZA - Anticipata di dieci giorni la ricorrenza della protettrice dell'Arma. Il maggiore Cirillo della Compagnia di Ascoli, rivolgendosi agli ex colleghi. «La caserma è la casa del carabiniere in servizio e in congedo». L'ascolano Gianluca Baiocchi torna come comandante della locale sezione dei Forestali
...

di Maria Nerina Galiè

Nella grande città come nel piccolo paese, il ruolo dei Carabinieri è di fondamentale importanza per la sicurezza e la tranquillità della popolazione. Per questo in occasione della festa della loro protettrice, la Madonna Virgo Fidelis, non possono mancare i cittadini e le istituzioni civili e religiose. La ricorrenza del 21 novembre, a Comunanza è stata anticipata a domenica 11 con il ritrovo annuale della sezione locale dell’Associazione Carabinieri “Carlo Alberto Dalla Chiesa” presieduta da Francesco Conti, che taglia il traguardo dei 45 anni di attività e conta oltre cento tesserati tra Amandola, Montefortino, Force, Montemonaco e, appunto, Comunanza.

Militari in servizio ed in congedo si sono ritrovati davanti alla caserma di viale Ascoli, guidata dal comandante Giovanni Croce, alla presenza del comandante della Compagnia di Ascoli maggiore Raffaele Cirillo, dei rappresentanti dei Comuni di Comunanza, Montefortino e Amandola – rispettivamente Pierpaolo Fioravanti, Angelo Viola e Chiara Scirè – la comandante dei Vigili urbani di Comunanza Patrizia Capriotti e Dino Romani, coordinatore provinciale delle varie Associazioni Carabinieri. Il maggiore Cirillo, nel portare i saluto del comandante provinciale colonnello Ciro Niglio, ha espresso parole di apprezzamento per gli ex colleghi che ha definito “un occhio vigile sul territorio e sul quale facciamo molto affidamento”. «La caserma è la casa del carabiniere e non viene specificato se in servizio o in congedo» ha ribadito. Poi, rivolto alla cittadinanza, ha spiegato che «la natura dell’Arma è strettamente connessa alla sua parcellizzazione sul territorio. E più è piccolo il paese più è presente».

«Siete un esempio di impegno quotidiano e costruttori del rispetto per la legalità» ha detto Fioravanti con il conforto degli altri amministratori ai Carabinieri schierati dietro la bandiera italiana, tra cui il comandante Petitta della stazione di Amandola, Proietti di Montemonaco, il vice brigadiere Trobiani di Force e un militare della locale sezione dei Carabinieri Forestali dove lunedì 12 novembre tornerà ad insediarsi, dopo aver ricoperto altri incarichi, il comandante l’ascolano Gianluca Baiocchi.

Il maggiore Cirillo ha poi ricordato un altro importante appuntamento. Domani, 12 novembre, ad Ascoli ci sarà un momento di raccoglimento per i Caduti di Nassirya nel giorno del 15° anniversario della strage.  Dopo la benedizione della caserma comunanzese da parte del parroco don Dino Straccia, i partecipanti alla cerimonia si sono portati in corteo, accompagnato dalla banda musicale comunale, nella chiesa di Santa Caterina per la celebrazione della messa durante la quale è stata letta la “Preghiera del carabiniere”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X