Quantcast
facebook rss

Riqualificazione dell’area ex Cerboni:
il Comune a caccia di fondi pubblici,
previste sei assunzioni “over 30”

SAN BENEDETTO - Approvata la delibera. Il finanziamento chiesto alla Regione Marche prevede l'assunzione per nove mesi di residenti nel Comune: percepiranno 700 euro al mese
...

Con delibera approvata nella seduta  del 13 novembre, l’Amministrazione comunale di San Benedetto presenterà entro la scadenza stabilita del 31 dicembre una domanda per accedere ai finanziamenti messi a disposizione dalla Regione  per la realizzazione, nell’area di intervento “Tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale ed urbanistico”, del progetto di riqualificazione naturalistica dell’area urbana “ex fornace Cerboni” finalizzato al suo ripristino ambientale e alla realizzazione di un parco urbano, anche attraverso l’utilizzo di materiali costruttivi vivi. Volontà dell’Amministrazione è infatti quella di restituire alla città la fruizione di uno spazio, non solo sotto l’aspetto ambientale ed ecologico, ma anche sociale e percettivo, promuovendo azioni che riducano il numero dei disoccupati di lunga durata e sostenendo adeguatamente le persone a rischio di disoccupazione di lunga durata, evitando l’obsolescenza delle competenze di lavoratori fuoriusciti dal mercato del lavoro.

Per la realizzazione delle attività previste dal progetto, l’Amministrazione si avvarrà di personale “over 30”, disoccupato e non percettore di ammortizzatori sociali, residente a San Benedetto, in possesso delle seguenti specifiche qualifiche o titoli di studio: un laureato in architettura, un tecnico di marketing in possesso di diploma in Scienze e tecnologie della comunicazione per interventi di promozione e valorizzazione delle risorse ambientali anche attraverso la creazione di eventi di promozione turistica, due periti agrari e due tecnici meccanici. Coloro che saranno inseriti nel progetto avranno diritto ad una indennità mensile pari a 700 euro, per una durata temporale massima di 9 mesi e per un impiego massimo di 25 ore settimanali. L’Amministrazione comunale prima della trasmissione del progetto alla Regione chiederà al Centro per l’impiego le unità individuate come “destinatari”, i quali, una volta selezionati, dovranno essere esplicitamente indicati all’interno della richiesta di finanziamento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X