Quantcast
facebook rss

Ninkovic a rapporto da Vivarini
«Mi raccomando sempre con lui»

SERIE B - Gara difficile da gestire a causa dell’imprevedibile arbitraggio. Il tecnico: «Plaudo all’apporto di tutti e a quello dell’uomo Padella, in un periodo in cui sta soffrendo»
...

di Claudio Romanucci

Aria pura d’alta classifica. L’Ascoli irrompe in zona playoff con merito dopo una gara difficilissima, rocambolesca, arbitrata in maniera indubbiamente insufficiente dal signor Illuzzi di Molfetta e per questo divenuta difficile da gestire. Nelle difficoltà generiche e nel nervosismo direttamente causato i tre punti assumono maggior peso perché dopo il doppio giallo a Ninkovic è sembrato che nel rettangolo verde potesse accadere di tutto.

Mister Vincenzo Vivarini esce dallo spogliatoio dopo un lungo confronto: «Ninkovic finora è stato ad ascoltare me ed i compagni. Nel momento in cui non si mette davanti il bene delle squadra o ci sono altri motivi si deve intervenire. Lui ha un carattere particolare, non faccio altro che raccomandarmi a lui e ad Addae all’inizio delle gare per avere in testa solo quello che ci sta da fare in campo. Voglio però dargli un’attenuante per il rosso: riceve 20 falli a partita, al suo primo è stato ammonito».

Poi l’analisi della gara: «In una partita difficile come questa eravamo stati bravi a prenderli ‘nel sonno’, all’avvio e ad inizio ripresa. Ci avevamo creato problemi sulle individualità sulle fasce, avevo chiesto un gran lavoro ai miei. Lo Spezia è una squadra forte che merita un’altra classifica. In 2 minuti è successo quello che non doveva succedere poi abbiamo vinto soffrendo. In 10 abbiamo concesso a loro la costruzione e di arrivare al limite dell’area. Voglio sottolineare l’apporto dell’uomo Padella, con valori importanti: merita tutte le gioie in un periodo in cui sta soffrendo».

Vivarini rimarca l’apporto di De Santis in un ruolo diverso e i valori tecnici di Cavion «un ragazzo che si allena dalla mattina alla sera sul campo». Infine sull’arbitraggio, «Ne vogliamo parlare? Parliamo di altro dai. Per lamentarsi degli arbitri oggi (riferendosi a Marino) ci vuole davvero un bel coraggio. Oggi era una partita in cui potrei farlo ma non lo faccio. Abbiamo davanti a noi un campionato complicato, chi ha visto la partita analizzando lo Spezia, si rende conto delle qualità delle altre squadre. Troviamo squadre attrezzatissime, Dobbiamo fare più punti possibili fino a fine girone e poi vedere come siamo messi».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X