Quantcast
facebook rss

L’Ascoli deve tornare a vincere
Ardemagni-Donnarumma:
venerdì sera la sfida del gol

SERIE B - E' scattato il countdown per l'anticipo del "Del Duca" che si giocherà in un clima polare. Per i bianconeri un solo punto nelle ultime due partite: urge l'impennata. L’attaccante delle "rondinelle" capocannoniere con 14 gol. Riflettori puntati su Tonali considerato il miglior talento del calcio italiano
...

Ninkovic torna in campo dopo il doppio turno di squalifica (Foto Edo)

di Bruno Ferretti

Una squadra che vuole nutrire ambizioni di playoff non può restare per tre turni consecutivi senza una vittoria. Ecco perché l’Ascoli, nell’anticipo di venerdì sera (ore 21) contro il Brescia dovrà cercare con tutte le sue forze il bottino pieno. Negli ultimi due turni i bianconeri hanno raccolto un solo punto con la sconfitta a Venezia e il pareggio interno col Cittadella. Contro il Brescia di Corini, squadra in crescita e seconda in classifica a 3 punti dal Palermo capolista, è un avversario temibile con una coppia d’attacco fra le migliori del campionato (Donnarumma e Torregrossa, 19 gol in due, più dell’Ascoli che in tutto ne ha segnati 16), una difesa esperta guidata da Gastaldello che ha disputato circa 300 partite in Serie A (con Siena, Sampdoria, Bologna) e un centrocampo impostato sulla freschezza di due giovani di qualità come Bisoli (figlio dell’allenatore) e Tonali, un classe 2000 di notevole talento, considerato il calciatore emergente del calcio italiano sul quale hanno messo gli occhi i principali club e anche qualche big straniera. Il presidente Cellino già pregusta una vendita milionaria del suo gioiello di appena 18 anni. Nell’ultimo turno il Brescia ha sconfitto (2-1) in rimonta, in pieno recupero, il Lecce sorpassandolo al secondo posto.

Donnarumma ai tempi del Teramo

Ben diversa fu la partita Ascoli-Brescia del passato campionato: ultima e decisiva per la salvezza. Pareggiando 0-0 al “Del Duca” il Brescia conquistò il punto della matematica salvezza mandando l’Ascoli di Cosmi agli spareggi playout con l’Entella. Vivarini punta molto sul rientro di Ninkovic dopo la doppia squalifica. Il serbo riprenderà il suo ruolo abituale di rifinitore dietro le due punte che saranno Ardemagni e Beretta (o Ngombo). Anche il Brescia gioca con il 4-3-1-2 e quindi con un modulo simile a quello dell’Ascoli che fin qui ha vinto 5 partite (con altrettanti pareggi e altrettante sconfitte). L’Ascoli in classifica è al decimo posto con 20 punti come Venezia e Salernitana; pari il numero dei gol bianconeri: 16 realizzati, 16 incassati. Direttore sportivo dei lombardi è Francesco Marroccu che ha lavorato nell’Ascoli nella stagione 2015-2016 al termine della quale decise di andare via. Dopo un campionato con la Feralpi Salò in Lega Pro, la scorsa estate Marroccu è passato al Brescia su richiesta di Cellino che in passato è stato suo presidente a Cagliari. I difensori bianconeri dovranno tenere d’occhio con estrema attenzione Donnarumma, capocannoniere del campionato con 14 gol. L’attaccante (28 anni) è stato allievo di Vivarini a Teramo, in tandem con Lapadula, realizzando 22 reti nella stagione 2014-2015, quella della promozione in B a tavolino dell’Ascoli al posto del Teramo punito dalla giustizia sportiva. L’Ascoli in fase realizzativa potrà rispondere con il ritrovato Ardemagni (3 gol nelle ultime 4 gare) e Ninkovic. Venerdì sera, secondo le previsioni meteo, la temperatura sarà polare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X