facebook rss

Area di crisi, approvati altri 11 progetti:
in arrivo 44 nuovi posti di lavoro

ASCOLI - La vice presidente Anna Casini: «Sono ulteriori fatti concreti per aiutare l’imprenditorialità nel piceno. Insieme agli uffici stiamo ora valutando le economie per garantire nuove opportunità»
venerdì 21 Dicembre 2018 - Ore 06:30
Print Friendly, PDF & Email

Sono stati approvati altri 11 progetti dell’area di crisi del Piceno. Si tratta di 9 start up e 2 investimenti produttivi che genereranno ulteriori 44 assunzioni (come indicato nelle singole iniziative), grazie alle specifiche del bando che imponevano l’impiego di nuove unità lavorative. Le ditte coinvolte sono Xentex, Confezioni Mary , Kiro srl di Comunanza, Amadio Meccanica, Ingenio Tex, Adverso, Carbon Mind, Ifc International Culture, Mitatec di Maltignano, Tama Caffè e Castalia. «Sono molto soddisfatta -dice la vice presidente della Regione, Anna Casini- perché dalle parole e dall’impegno amministrativo, ora arrivano i fatti concreti che sono quelli che interessano le imprese ed i cittadini. Per i bandi sotto il milione e mezzo di euro (gestiti dalla Regione Marche), si stanno per creare oltre 130 nuovi posti di lavoro grazie a contributi pubblici impegnati per oltre 7,5 milioni di euro per corrispondenti investimenti aziendali pari a 25 milioni, il che vuol dire, dopo la crisi economica ed il terremoto, una boccata d’ossigeno per il Piceno.

Anna Casini (foto Vagnoni)

Gli investimenti inferiori al milione e mezzo di euro fin qui approvati, si sommano al contratto di sviluppo firmato tra Regione, Ministero ed Invitalia sottoscritto per una importante azienda lattiero casearia, con un contributo pubblico di 5 milioni di euro e nuova forza lavoro di ben 40 persone ed il bando gestito a livello nazionale. Credo che chi governi debba comporre gli interessi in maniera “virtuosa. Sono molto orgogliosa perché siamo riusciti a coprire tutte le tipologie di investimento con una particolare attenzione alle peculiarità del nostro territorio. Va così a terminare la prima fase del bando dell’area di crisi picena. Insieme -conclude- agli uffici stiamo ora valutando le economie per garantire nuove opportunità al piceno.  Mi preme ringraziare l’assessora Manuela Bora per l’impegno profuso e tutti gli organi intermedi ed i tecnici che in questi anni hanno sempre creduto in questa grande opportunità per la nostra terra».

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X