Quantcast
facebook rss

Sole e bel tempo spingono la fiera
Migliaia di visitatori, il centro fa boom
Sosta selvaggia, la protesta dei residenti

ASCOLI - Complice una domenica 23 dicembre dalle temperature miti, sold out per l'evento fieristico che ha portato tra le cento torri 263 espositori dei più disparati settori merceologici. A tirare soprattutto l'abbigliamento, ma pure food e piccoli elettrodomestici. La solidarietà de "La carica dei Babbi Natale" coglie nel segno. Pochissimi i casi di abusivismo. Gli stalli occupati dagli automobilisti senza permesso hanno creato disagi agli abitanti delle Ztl. E c'è anche chi ha lasciato l'auto sul dosso-striscia pedonale
...

Centro storico preso d’assalto sin dalla mattina (foto di Andrea Vagnoni)

di Luca Capponi 

Complice il favorevolissimo meteo fatto di sole e temperature in salita, insperato fino a qualche giorno fa, la Fiera di Natale ha fatto boom. Un pienone in tutto il centro storico, difficile da quantificare, che ha raggiunto il culmine a metà pomeriggio di domenica 23 dicembre, quando camminare tra gli stand predisposti dall’evento (erano 263) è divenuta impresa ai limiti dell’umano. Presi d’assalto, dunque, gli espositori arrivati tra le cento torri come al solito da tutta Italia. Unica regola che ha accomunato migliaia di ascolani e non (molti coloro che sono giunti in città dai comuni e dalle province limitrofe): fare acquisti in vista del 25 dicembre, ma soprattutto farlo a buon mercato, senza svenarsi. A guidare la pattuglia della merce più gettonata, sicuramente l’abbigliamento, poi piccoli elettrodomestici, accessori per cellulari, gli immancabili giocattoli, libri ma anche il food, quello a chilometro zero soprattutto, ha tirato.

In piazza Arringo le casette di legno con prodotti artigianali

Effetto benefico su locali e negozi aperti, per un evento che ha abbracciato in primis piazza del Popolo, piazza Simonetti, via Trieste, Lungo Tronto, piazza Giacomini, via Sacconi, piazza della Viola, via Bonaparte, corso Vittorio Emanuele e via Dino Angelini, nel tratto antistante il Tribunale. In piazza Arringo hanno tenuto botta egregiamente la pista di pattinaggio e le casette di legno coi prodotti artigianali, con il vicino Mercatino della Stella. E c’è anche chi si è concesso una capatina nelle chiese, Cattedrale su tutti, per ammirare i presepi allestiti per l’occasione, che esercitano sempre un grande fascino sul pubblico.

E’ corsa al regalo

Menzione speciale per il momento benefico, ormai rodato, de “La carica dei Babbi Natale”, che durante tutta la giornata si è impegnato a raccogliere, nella casetta di piazza Arringo, offerte da devolvere al centro diurno per ragazzi autistici de “L’orto di Paolo”; i Babbi Natale volontari, bardati a dovere come Santa Claus, lo hanno fatto dispensando piccoli doni, dolci e palloncini, sempre con garbo e voglia di aiutare il prossimo. Staremo a vedere nei prossimi giorni quanto saranno riusciti a raccogliere attraverso questa lodevole iniziativa.

Il parcheggio migliore della giornata in via Angelini

Tutto apparentemente è filato liscio dal punto di vista dell’ordine pubblico, con abusivi in diminuzione rispetto agli altri anni (un paio di interventi dal tal punto di vista ci sono stati, ma niente di rilevante) ed episodi di truffe e borseggi non pervenuti. Due pattuglie della Polizia Municipale rimangono infatti sempre attive fino alla fine dell’evento, intorno alle 22.
Capitolo a parte sulla viabilità, al solito rivoluzionata in occasione della fiera. Qui le proteste arrivano soprattutto dai residenti del centro storico, che denunciano il “furto” degli stalli di sosta da parte di auto senza permesso. Nella zona di corso Mazzini sono tante le lamentele giunte: esempio lampante in via dei Templari, dove tra le auto in sosta ve ne erano almeno una metà prive del permesso Ztl, nonostante i vigili urbani fossero a un passo intenti a smistare il traffico. Un po’ di tolleranza, visto l’evento, è giusto che ci sia, ma quando è troppa… Altra esempio degno di nota (si fa per dire…) nella vicina via Dino Angelini, dove qualche impavido automobilista ha ben pensato di parcheggiare addirittura sul dosso con striscia pedonale. Per fortuna non tutti hanno optato per tale ardita soluzione, visto che hanno registrato il full anche i grandi parcheggi a pagamento, su tutti quello di Porta Torricella.

 

 

In via dei Templari tante auto senza permesso

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X