Quantcast
facebook rss

Pulcinelli elogia la capolista
e fa autoironia:
«Era ora di perdere con una grande»

SERIE B - Il patron chiede scusa ai 67 tifosi giunti da Ascoli e ammette: «Da queste lezioni si può imprarare molto». In tribuna Zeman: «L'Ascoli è venuto per limitare i danni». Il rosanero Moreo: «Perucchini forse ha avuto paura sulla mia pressione». Mercato: adesso urge anche un portiere
...

Massimo Pulcinelli ha seguito l’Ascoli anche a Palermo

«Un risultato che parla da solo. Palermo più forte anche se non di molto, ma risultati così rotondi vanno accettati e presi come stimolo per ripartire uniti e determinati. Ci scusino i tifosi giunti fino qui, potevamo e dovevamo fare meglio. Da queste lezioni si può imparare molto e, diciamolo pure, era ora di riuscire a perdere con una grande. Avete critiche da fare? Fatele a me in privato, garantisco di leggere e rispondere, ma non siate ovvi e banali». Lo dice, o meglio lo scrive come sempre sui social, Massimo Pulcinelli, il patron bianconero che aveva già iniziato a scrivere a Roma prima di partire per la Sicilia e ha continuato a farlo in volo sull’aereo che lo ha portato a Palermo. “Pulcineli News” continuerà anche nei prossimi giorni. Con un particolare da non sottovalutare: fra tre giorni c’è Ascoli-Crotone, gara più decisiva che mai, sulla quale vale ormai la pena concentrarsi.

Pochi, infreddoliti e delusi: sono i 67 tifosi arrivati a Palermo da Ascoli

Tra le domande che verranno poste a Pulcinelli, magari da girare al ds Tesoro e al dg Lovato, anche quelle riguardanti il mercato. Considerando che Lanni quest’anno non è al top della forma fisica e che su Perucchini non ci si può fare grande affidamento, forse al mercato di gennaio l’ingaggio di un portiere diventa indispensabile per l’Ascoli alla pari di quello di un attaccante che sappia fare qualche straccio di gol.

Di Palermo-Ascoli ha parlato anche Zeman, che ha seguito la partita in tribuna. L’ex tecnico del Pescara ha commentato il primo tempo facendo delle previsioni, in parte rivelatesi azzeccate, sui bianconeri. «L’Ascoli nel secondo tempo cercherà di sfruttare qualche ripartenza, ma è venuto a Palermo ovviamente per cercare di limitare i danni». Azzeccata la prima prevsione del tecnico boemo, ma non la seconda visto che l’Ascoli, dopo essersi fatto male da solo, ne ha beccati altri due.

Sulla papera di Perucchini ha detto la sua anche Moreo che era l’avversario più vicino al portiere: «Sulla mia pressione forse Perucchini ha avuto un po’ di paura, molto meglio per noi così siamo passati in vantaggio». Facciamo finta di crdergli, ma non è  così.

A.Fer.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X