Quantcast
facebook rss

Ascoli, un Capodanno col sorriso
La vittoria in rimonta sul Crotone
è un’iniezione di grande fiducia

SERIE B - I bianconeri chiudono l'andata a metà classifica (6 vittorie, 6 pareggi, 6 sconfitte) e a due punti dai playoff. Ora tre settimane di sosta, si riparte il 20 gennaio a Cosenza. Bacci, Brosco, Beretta, Ganz e Casarini: tante le note positive. Squadra in vacanza fino al 9 gennaio
...

I bianconeri e mister Vivarini esultano a fine gara ringraziando i tifosi della curva sud per l’incessante supporto (Foto Edo)

di Bruno Ferretti

Un antico adagio dice che le vittorie più belle sono quelle più sofferte. Ecco perché quella ottenuta contro il Crotone, a una manciata di secondi dalla fine del recupero, è stata bellissima. L’Ascoli, con un finale ardente, ha ribaltato in extremis un risultato che sembrava ormai compromesso. È stata la vittoria della volontà e della tenacia. La vittoria di crederci fino in fondo senza arrendersi mai. La squadra di Vivarini è stata protagonista di un finale entusiasmante che ha scritto il tripudio dei tifosi, molti dei quali si erano già rassegnati al pareggio, ma che per cento minuti non hanno mai smesso di incitare la squadra anche sotto di due gol. Brosco difensore goleador (4 reti già in casella, come lui solo Ardemagni), Beretta (al primo gol stagionale, e addirittura Ganz (uscito dal letargo) sono andati a segno annullando il doppio vantaggio dei calabresi che dopo 16 minuti erano già sullo 0-2 con i gol di Nwankwo e Firenze.

L’Ascoli, dunque, ha chiuso il girone di andata a metà classifica con 24 punti, frutto di 6 vittorie, 6 pareggi e 6 sconfitte. I bianconeri sono al 10° posto, a due punti dai playoff (Spezia e Perugia 26) e a 7 dai playout (Carpi 17 e Livorno 15). Nel girone di ritorno, dopo la lunga sosta di gennaio, quando scatterà il conto alla rovescia, potrà succedere di tutto. Anche perché diverse squadre di rafforzeranno al mercato (Ascoli compreso) e la scala dei valori inevitabilmente si modificherà. Non mancheranno sorprese e l’Ascoli, con qualche opportuno puntello, vuole essere fra queste.

Tornando alla vittoriosa partita con il Crotone di Stroppa, richiamato al posto del dimissionario Oddo a poche ore dal match, è difficile fare una classifica di valori perché tutti hanno dato quello che potevano. Positivo l’esordio del terzo portiere Bacci, per nulla emozionato. Positivi la conferma di Brosco, difensore-goleador al quarto bersaglio, così come i ritorni al gol di Beretta (dopo lunghissimo tempo) e soprattutto di Ganz. È piaciuto Casarini, entrato nella ripresa al posto di Troiano che aveva bisogno di riposare dopo aver tirato a lungo la carretta senza pause.

L’Ascoli ripartirà il 20 gennaio con la trasferta a Cosenza quando avrà recuperato Ardemagni, Lanni e anche qualcun altro. Per la prima di ritorno Vivarini dovrà fare a meno di Addae e Ganz che saranno squalificati. Intanto il mister e il suo staff avranno tempo per lavorare sulla squadra. Cominceranno a farlo mercoledì 9 gennaio. Dopo la gara col Crotone, infatti, ai bianconeri è stato dato il “rompete le righe”. Nove giorni di vacanza, di assoluto relax. Poi di nuovo tutti al lavoro al “Picchio Village”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X