Quantcast
facebook rss

Violenza di gruppo su una tredicenne,
il giudice manda a processo i nigeriani

ASCOLI - Sono accusati di aver violentato il 22 ottobre 2017 una minorenne nei giardinetti sottostanti viale De Gasperi. La prima udienza è in programma il 13 febbraio
...

L’arrivo degli imputati in tribunale (Fotoservizio Andrea Vagnoni)

di Renato Pierantozzi

Si aprirà il 13 febbraio prossimo, davanti al collegio penale del tribunale di Ascoli, il processo a carico dei due nigeriani (Christopher Ehikhebolo e Patrick Boi) accusati di violenza sessuale anche di gruppo nei confronti di una tredicenne ascolana. Il giudice per l’udienza preliminare Barbara Caponetti li ha rinviati a giudizio al termine di una camera di consiglio durata più di un’ora. Non è stata accolta la richiesta della difesa dei due nigeriani, rappresentata dall’avvocato Umberto Gramenzi, di accedere al rito abbreviato condizionato allo svolgimento di due perizie affidate a consulenti esperti di genetica e di psicologia giuridica nonché all’audizione degli operatori del centro Oasi di Carpineto per verificare gli spostamenti dei due profughi. I fatti risalgono al 22 ottobre 2017 quando la ragazza, la cui famiglia si è costituita parte civile tramite l’avvocato Annalisa Corradetti, raccontò di essere stata violentata, a turno, nei giardinetti sottostanti viale De Gasperi. Ehikhebolo è accusato anche di un altro episodio di violenza verificatosi in precedenza a San Benedetto alla presenza anche di un altro nigeriano rimasto però sconosciuto.

Violenza sulle tredicenne, i nigeriani davanti al giudice

«La ragazzina violentata è in grado di testimoniare senza condizionamenti»

Nigeriani accusati di stupro, la Procura chiede più tempo per le indagini

Violentata dai profughi, in aula i racconti della ragazzina


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X