Quantcast
facebook rss

Regolamento di conti:
27enne pestato e rapinato

CIVITANOVA - Un tunisino, irregolare e senza fissa dimora, è finito all'ospedale dopo essere stato picchiato e aver perso i sensi. Ora sarà espulso. Gli aggressori, un 51enne di Loreto e un 28enne di Ancona, denunciati dai Carabinieri
...

Picchiato e rapinato per un regolamento di conti. È finito all’ospedale di Civitanova (Macerata) un tunisino irregolare e senza fissa dimora che è stato malmenato e derubato di un cellulare che cercava di vendere a due italiani. Una vicenda dai contorni ancora da chiarire quella avvenuta a Civitanova dove un ragazzo di 27 anni è stato pestato fino a perdere i sensi.

Ad accompagnarlo all’ospedale i due aggressori, un 51enne di Loreto e un 28enne di Ancona. I due uomini, denunciati in concorso per rapina e lesioni dai Carabinieri di Civitanova, hanno raccontato quanto accaduto.

I tre si erano dati appuntamento attorno all’una di notte alla rotatoria di San Marone, all’interno dell’area del distributore, ufficialmente per una trattativa di acquisto di due telefoni cellulari. I due italiani però pretendevano uno dei due cellulari del valore di 400 euro come saldo di un pagamento non onorato da parte di un amico in comune che aveva fatto da intermediario e che però non era presente all’incontro. Alle rimostranze del tunisino i due italiani hanno reagito colpendolo violentemente e minacciandolo anche con un coltello a serramanico con la lama di 10 centimetri. L’arma è stata ritrovata poi dai militari abbandonata poco distante dal luogo dell’aggressione.

I due italiani avrebbero iniziato a picchiare il tunisino fino a fargli perdere i sensi. Il 27enne è finito stramazzato a terra e incosciente. A quel punto i due italiani hanno deciso di accompagnarlo al Pronto Soccorso dove è stato giudicato guaribile in 20 giorni. Per lui, irregolare e senza fissa dimora, sono state attivate le procedure per l’espulsione. Ora sta raggiungendo il centro di permanenza per il rimpatrio di Caltanissetta, in Sicilia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X