facebook rss

Centro per le famiglie
di via San Martino,
il calendario delle attività

SAN BENEDETTO - L'assessore ai Servizi sociali, Emanuela Carboni: «E’ stato riorganizzato con l’impostazione 0-100 anni per rivolgersi  a tutte le face di età. Progetti e iniziative con tutte le associazioni del territorio e rivolte a bambini, adolescenti, anziani, genitori e diversamente abili»

di Benedetto Marinangeli

«Sono ben lieta di offrire alla città il nuovo centro per le famiglie comunale con ingresso in via San Martino». Esordisce così l’assessore ai servizi sociali Emanuela Carboni nel presentare il nuovo calendario delle attività nella struttura. «E’ stato riorganizzato – aggiunge – con l’impostazione 0-100 anni già messa in campo lo scorso dicembre con il riavvio dei centri ludici polivalenti della città. Ovvero di includere e rivolgersi  a tutte le face di età grazie ai diversi progetti ed alle iniziative messe in atto con tutte le associazioni  del territorio e rivolte a tutta la cittadinanza, bambini, piccoli, adolescenti, anziani, genitori e non ultimi i diversamente abili. Per tutto questo ringrazio il mio settore di riferimento per la collaborazione sinergica delle diverse competenze a partire dal direttore Antonio Di Battista fino ad arrivare alla coordinatrice dell’ Ambito Territoriale Sociale 21, Simona Marconi».

Il Centro, è collocato a piano terra, con ingresso da via San Martino. Allo stesso è annessa un’ area verde riservata con opportunità aggiuntive per svolgere piacevoli attività all’aperto, dello stesso stabile che accoglie con ingresso da via Manzoni sia il centro ludico polivalente 0-100 a piano terra sia il nido comunale “La Mongolfiera”, al primo piano.Questa felice collocazione fisica ha già favorito la messa in moto di plurime attività di raccordo e di incontro fra i diversi servizi presenti, grazie al coordinamento comunale del Settore Politiche Sociali, a cui tutti servizi ivi accolti, fanno riferimento.

«Peculiarità di questa riorganizzazione – spiega la dottoressa Rita Tancredi pedagogista del Comune- è proprio la condivisione di un calendario turnato degli spazi del centro con incontri periodici di programmazione e condivisione congiunta delle iniziative in svolgimento  ad opera delle diverse associazioni e del volontariato. Alla base di tale metodologia sta una logica di collaborazione e rispetto reciproco proprio del fare parte di una collettività che ha l’intento di configurarsi come comunità educante con il confronto e l’arricchimento l’ un dell’ altro per il bene della comunità tutta».

«La novità assoluta – aggiunge la dottoressa Simona Marconi coordinatrice ATS 21 – è l’inserimento dell’ associazione sportiva Fitness Park che collaborerà per una serie di iniziative come ad esempio quella sulla menopausa. Le donne non hanno paura del cambiamento ma hanno bisogno di confrontarsi anche su questo argomento specifico. Inoltre ci saranno appuntamenti che riguarderanno i più giovani che saranno in competizione tra loro, un confronto reale e non virtuale. Il tutto in un centro famiglia rinnovato con le associazioni che fungono da pilastri per tutta la struttura».

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X