facebook rss

Provinciali, tensione nel dopo voto
Ameli: «Ha perso
la candidata di Castelli»,
Fioravanti: «Centrodestra in crescita»

ASCOLI - Esulta anche la Lega che porta a Palazzo San Filippo Giovanna Angelici di Montalto. Antonini: «E' il frutto del grande gioco di squadra»

Il seggio allestito a Palazzo San Filippo (Foto Andrea Vagnoni)

Diluvio di commenti, generale grado di soddisfazione, immancabili stoccate e qualche momento di tensione nel “dopo gara” a caldo domenica notte a causa di qualche “sfottò” sopra le righe da parte di un noto esponente “istituzionale” della destra ascolana nei confronti di rappresentanti del Pd e dell’Udc. Per poco non è finita in rissa. E’ il bilancio delle elezioni provinciali per il rinnovo dei 10 consiglieri svoltesi domenica scorsa che hanno visto la lista di centro sinistra imporsi 6-4 nei confronti della lista di centro destra. Un risultato prevedibile vista il colore politico dei consiglieri residenti nei 33 Comuni del Piceno. «Bella vittoria alle Provinciali per la coalizione che sostiene il Presidente Sergio Fabiani. Si allarga la maggioranza provinciale e si certifica la sconfitta della candidata del Sindaco Castelli», dice il capogruppo ascolano del Pd, Francesco Ameli riferendosi alla mancata elezione di Piera Seghetti giunta a pari merito con Gino Cacciatori. Da destra Marco Fioravanti, di Fratelli d’Italia commenta positivamente l’esito del voto.

Francesco Ameli

«Le elezioni provinciali che si sono concluse ieri sera hanno fatto registrare un risultato positivo, unitario -dice il presidente del Consiglio comunale – Si tratta di un risultato elettorale che politicamente dimostra come il centrodestra nel Piceno stia avanzando, nonostante la gran parte degli aventi diritto al voto fossero consiglieri comunali eletti cinque anni fa, quando l’andamento politico generale era maggiormente favorevole alla sinistra.  Ha retto l’accordo delle due grandi città della provincia, che da sole governano la metà degli abitanti di tutti e 33 i comuni del territorio. Adesso siamo concentrati sulle prossime amministrative in programma a maggio in 23 Comuni della nostra provincia: vogliamo invertire la marcia e liberare anche i territori più piccoli dalla gestione clientelare del Pd. L’aspetto che più deve far riflettere coloro che sperano di dividere il centrodestra è che l’accordo tra i partiti e il civismo legato allo stesso centrodestra regge molto bene. Non vincono i personalismi, ma vince sempre la squadra. Accade per Fratelli d’Italia e, soprattutto per il centrodestra quando è unito. L’elezione di un rappresentante per ogni partito e di uno indicato dal civismo di Ascoli ci dà forza e convinzione: nonostante i gufi e le iene, andiamo avanti per la nostra strada per far trionfare i nostri ideali al servizio dei cittadini e dell’intera comunità. Un sincero ringraziamento -conclude- a tutti i consiglieri di centrodestra, ma anche a coloro che rappresentano gli ideali del civismo per averci scelto. Un grazie di cuore al vice sindaco di Acquasanta, Luigi Capriotti (nella foto a destra con Fioravanti), per lo straordinario risultato che con 8436 voti è risultato il primo degli eletti del centrodestra». Anche la Lega festeggia l’elezione di Giovanna Angelici da Montalto Marche.«Il grande gioco di squadra della Lega sul territorio di Ascoli Piceno -ha commentato il commissario provinciale Andrea Antonini– ha portato all’elezione in provincia di Giovanna Angelici. Non solo , la provincia di Ascoli (grazie al lavoro dei responsabili cittadini di Ascoli, San Benedetto, Grottammare, Castel di Lama, Montalto e Monsampolo) ieri è risultata essere quella dove si è raccolto il maggior numero di firme nelle Marche a sostegno del nostro Capitano».

rp


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X