facebook rss

L’ex Massimo Cacciatori:
«Per l’Ascoli tutto è ancora aperto,
ma ora occhio alla Salernitana»

SERIE B - L'ex portiere fu acquistato a 15 anni dall'Inter, poi è stato anche allenatore del Picchio in Serie A, Serie B e Serie C. lavora per il Settore tecnico della Federcalcio effettuando corsi per gli allenatori ed è specializzato nella preparazione dei numeri uno. «E' un campionato con molto equilibrio»

Massimo Cacciatori con Fabrizio Lorieri, anche lui ex portiere bianconero, in occasione dei festeggiamenti per il 120° dell’Ascoli Calcio (Foto Edo)

di Bruno Ferretti

Con l’Ascoli non ha mai giocato in prima squadra, ma nell’allora De Martino, ovvero la seconda che successivamente diventò campionato Primavera. Era il portiere più giovane (e più bravo) e l’Inter lo acquistò a soli 15 anni. «Ricordo che ero poco più di un bambino e festeggiai i 16 anni in Germania dove eravamo andati per disputare un torneo giovanile» rivela l’ascolano Massimo Cacciatori il quale, dopo aver allenato diverse squadre, da 19 anni lavora per il Settore tecnico della Federcalcio. Effettua corsi di preparazione per allenatori, i portieri sono la sua specialità ed è considerato tra i migliori istruttori italiani (ha scritto anche un libro sulla materia). Quando non è impegnato (in Italia e anche all’estero) è sempre presente al “Del Duca” per seguire l’Ascoli, squadra che ha allenato in tutte le categorie: A, B e C. Negli anni Settanta vanta una lunga militanza in Serie A con Sampdoria e Lazio. É stato uno dei migliori portieri della sua generazione.

Cacciatori dsurante uno dei suoi stage in giro per l’Italia con i giovani portieri

Ma torniamo all’Ascoli attuale. «Non so se questa lunga sosta può essere utile – dice Cacciatori, oggi 67enne – da un lato consente di recuperare qualche giocatore infortunato, dall’altro rischia di far perdere alla squadra il ritmo gara. Vedremo come starà alla ripresa. E’ un campionato particolare con 19 squadre, c’è grande equilibrio e il valore delle squadre emergerà fra marzo e aprile. Adesso é troppo presto – prosegue Cacciatori nella sua analisi – ma l’Ascoli sta disputando un buon campionato, in linea con le attese, e può fare tutto. La classifica finora non è carne né pesce. Difficile avanzare previsioni, basta guardare il Palermo che sembrava una corazzata e invece é in crisi. Brescia e Benevento sono buone squadre, ma non si può dire ancora niente. Dopo il turno di riposo c’è la Salernitana che ha perso in casa il derby col Benevento e avrà voglia di riscatto. Ma la vittoria servirà, e non poco, anche all’Ascoli».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X