facebook rss

L’ex Massimo Silva: «Ascoli tosto,
ha tutte le carte in regola
per poter raggiungere i playoff»

SERIE B - Una vita in bianconero, prima come calciatore poi come allenatore. Ora allena l’Isernia in D. «Il Benevento è la squadra più forte, poi grande equilibrio. La sosta ha giovato all’Ascoli per l’inserimento di Ciciretti e Milikovic-Savic. E' importante battere la Salernitana»

Massimo Silva quando sedeva sulla panchina dell’Ascoli

di Bruno Ferretti

Fece parte della squadra che nel 1973-1974 conquistò la prima storica promozione dell’Ascoli in Serie A. Era molto giovane e veniva utilizzato come alternativa agli attaccanti titolari Campanini e Bertarelli, tuttavia il suo contributo per la promozione fu importante: 36 presenze e 10 gol.

Silva oggi, allenatore dell’Isernia

Lombardo di Pinarolo Po (Pavia), Massimo ad Ascoli si trovò bene e decise di metterci le radici sposandosi e diventando ascolano di adozione. Silva, 67 anni, in tempi più recenti è stato anche allenatore dei bianconeri. Promosso in Serie A nel 2004-05 in coppia con Marco Giampaolo, poi in A l’anno successivo e quindi in B dal 2011 al 2013 effettuando una straordinaria rimonta-salvezza culminata con la vittoria a Padova nell’ultima giornata quando tutti consideravano i bianconeri ormai spacciati.

«Seguo sempre l’Ascoli dall’esterno con passione perché mi sono affezionato – dice Silva che prima come calciatore e poi come allenatore ha girato l’Italia – questa squadra mi piace molto, è ben strutturata e mi sembra tosta. Siamo a metà strada e può succedere ancora tutto, ritengo che possa classificarsi fra le prime otto e quindi disputare i playoff. Ha giocato partite molto positive come quella vinta contro il Benevento ma anche altre in cui mi aspettavo di più in fase offensiva. Ninkovic – prosegue Silva nella sua analisi – è un calciatore con tante buone doti, ma dovrebbe realizzare qualche gol in più».

Massimo Silva calciatore

«Il mercato di gennaio? E’ arrivato Ciciretti, attaccante esterno di qualità che in qualche partita può risultare decisivo. La sosta è stata utile per favorire il suo inserimento in squadra e questo vale anche per il portiere Milinkovic-Savic. Tante operazioni in entrata e in uscita? Hanno rinnovato il più possibile la squadra, forse hanno cercato di cedere qualcuno che non rientra nei piani di Vivarini, ma non è stato possibile. La sosta ha giovato in vista della partita contro la Salernitana che l’Ascoli può vincere. La mia favorita per la promozione diretta è il Benevento» conclude Silva che allena l’Isernia (Serie D) che proprio oggi ha battuto il Notaresco (1-0) nel turno infrasettimanale. I molisani lottano per la salvezza, e l’esperienza di Massimo Silva sotto questo aspetto è una garanzia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X