facebook rss

Sisma, Crimi contrattacca:
«Parla Ceriscioli?
E’ uno dei responsabili del disastro»

REPLICA - Il sottosegretario alla Ricostruzione dopo l'appello di ieri del Governatore delle Marche: «I responsabili della disfatta si travestono da "nuovo-che-avanza" e si presentano con la soluzione in tasca. Ma chi vogliono prendere in giro? È un'offesa all'intelligenza dei cittadini»

Vito Crimi durante l’incontro con i sindaci del 22 gennaio a Tolentino

Vito Crimi, sottosegretario di governo con delega alla Ricostruzione post sisma, risponde a brutto muso all’appello di ieri del Governatore delle Marche, Luca Ceriscioli. «Leggo con stupore che Luca Ceriscioli, presidente della Regione Marche, ha presentato le sue idee per velocizzare la ricostruzione. Come mai Ceriscioli, che da oltre due anni è anche vice commissario alla ricostruzione, presenta solo adesso queste idee? E come mai lo fa appena dopo gli incontri che ho recentemente sostenuto con la cittadinanza, le istituzioni locali e le forze dell’ordine, nei quali ho già annunciato misure drastiche e coraggiose per rilanciare il processo di ricostruzione?» si chiede Crimi.

Che ne ha anche per Nicola Zingaretti, governatore del Lazio: «Anche lui, già vice commissario e coprotagonista delle leggi e ordinanze che fino ad oggi hanno dettato le regole della ricostruzione, ora ammette che l’estrema farraginosità del sistema ostacola la ricostruzione pubblica e privata. Eppure sono state proprio le regioni, in primis – con la complicità dei commissari straordinari nominati dal Pd che si sono succeduti in questi anni – ad aver compiuto le scelte che ora criticano, provocando ritardi e disastri. Adesso i responsabili della disfatta della ricostruzione si travestono da “nuovo-che-avanza” e si presentano con la soluzione in tasca. Ma chi vogliono prendere in giro? È un’offesa all’intelligenza dei cittadini», attacca il sottosegretario pentastellato.

«Se oggi ci ritroviamo a dover fare i conti con una procedura lenta e caotica, è grazie a questi soggetti. Chi ha amministrato le regioni colpite dal terremoto è il primo responsabile dei rallentamenti nelle pratiche della ricostruzione – continua Crimi – hanno sempre preteso un ruolo da coprotagonisti nelle iniziative intraprese dai loro governi, dunque prima di fare proposte devono assumersi la responsabilità delle scelte sbagliate compiute in questi due anni. Chiedano scusa per la lentezza nell’esame delle pratiche, per gli eccessivi oneri a carico dei progettisti e dei cittadini nella presentazione delle domande, per le discutibili scelte in merito alle opere prioritarie da finanziare. E soltanto dopo vengano a presentare le loro soluzioni».

Crim si dice pronto a «predisporre modifiche sostanziali alla normativa e alle leggi esistenti, così da semplificare le procedure nella ricostruzione sia privata che pubblica. A differenza del passato non ci si chiuderà più a discuterle nelle segrete stanze del Pd lasciando fuori gli ignari cittadini. Condividerò le nostre proposte legislative con tutti i sindaci, le associazioni di categoria, gli ordini professionali e i soggetti interessati, direttamente e senza filtri, affinché il risultato sia frutto di un processo partecipato, dal basso, spontaneo e vero. Con queste proposte condivise passeremo poi dal Parlamento e dal democratico confronto fra i rappresentanti eletti dal popolo. Cari presidenti di Regione, ci sarà sicuramente un cambio di passo, ma non avverrà certo per merito vostro”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X