facebook rss

Al via le domande per
il “Reddito di dignità” dell’Arengo

ASCOLI - ll progetto si rivolge a cittadini italiani o comunitari o extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno, attualmente disoccupati e di età non superiore a 65 anni, residenti nel comune di Ascoli Piceno da almeno 5 anni in maniera continuativa, aventi un indicatore ISEE pari o inferiore ad 13.500 euro (rispetto ai 9.360 della versione governativa)

Anche il Comune di Ascoli ha il suo sostegno alle persone in difficoltà. Sulla scia del grillino “reddito di cittadinanza”, l’amministrazione guidata dal sindaco Guido Castelli ha reso noto che sono ufficialmente aperti i termini per l’accesso al “Reddito di Dignità”.

Donatella Ferretti e Guido Castelli

Il progetto si rivolge a cittadini italiani o comunitari o extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno, attualmente disoccupati e di età non superiore a 65 anni, residenti nel comune di Ascoli Piceno da almeno 5 anni in maniera continuativa, aventi un indicatore ISEE pari o inferiore ad 13.500 euro (rispetto ai 9.360 della versione governativa), che abbiano cessato un’attività lavorativi per motivi differenti dalla “giusta causa” o per dimissioni volontari e che non percepiscano assicurazione sociale per l’impiego o altri ammortizzatori sociali. Le domande, redatte su apposito modello, dovranno essere presentate entro e non oltre il 20 marzo 2019 direttamente presso l’ufficio Protocollo del Comune di Ascoli Piceno oppure inviate a mezzo raccomandata A/R (in tal caso per la verifica del rispetto dei termini farà fede il timbro postale dell’Ufficio accettante) o via PEC all’indirizzo di posta certificata del comune di Ascoli Piceno (comune.ascolipiceno@actaliscertymail.it). Si ricorda che il beneficio sarà concesso soltanto ad una persona per ogni nucleo familiare e che il Reddito di Dignità non è cumulabile altri interventi di sostegno economico come il Reddito di Inclusione (REI), il Reddito di Cittadinanza, il Reddito di Dignità (per almeno 6 mesi) e i Tirocini di Inclusione sociale.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X