facebook rss

Marocchina trascinata dal bus,
condannato autista della Start

ASCOLI - La sentenza è stata emessa dal giudice Barbara Bondi Ciutti per i fatti risalenti al 24 novembre 2016

Un bus della Start

Una lite scoppiata sul bus per futili motivi con una marocchina residente a Spinetoli è costata una condanna a 4 mesi ad un autista della Start oltre alle spese legali e il risarcimento alla parte civile.

Christian Schicchi

La sentenza è stata emessa oggi dal giudice Barbara Bondi Ciutti per i fatti risalenti al 24 novembre del 2016. Secondo la ricostruzione dell’accusa, l’autista, un 54 enne residente a San Benedetto, dopo un diverbio con la donna, difesa dall’avvocato ascolano Christian Schicchi, chiuse la porte del mezzo mentre la passeggera stava ancora scendendo facendogli rimanere il braccio imprigionato. Nonostante ciò, l’autista riprese la marcia volontariamente trascinando la donna per alcuni metri sulla strada provocandogli lesioni ad un braccio ritenute guaribili in 4 giorni. All’autista sono state contestate anche l’aggravante dei futili motivi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X