facebook rss

«Ma quale flop, il centrosinistra
è pronto a rinascere»

ASCOLI - «Il centrosinistra unito può vincere rappresenta una valida e credibile alternativa alle destre e si candida a guidare sin da subito sia le realtà locali che andranno in questa primavera al voto che il Paese»

Al centro il segretario regionale Giovanni Gostoli in visita ad uno dei seggi delle primarie allestiti a San Benedetto. Con lui (a destra) anche il capogruppo regionale Fabio Urbinati

«4426 votanti. Un dato che non può che farci esprimere grande soddisfazione e che rispedisce al mittente le critiche di chi, in questi giorni, ha ironizzato su una possibile scarsa affluenza, paventando, senza alcun riscontro, un possibile flop». E’ il commento della segreteria provinciale del Pd dopo l’esito delle primarie per la scelta del segretario nazionale dem. Nel Piceno ha trionfato Nicola Zingaretti (leggi l’articolo).

«Un grande lavoro di squadra -commenta il portavoce Alessandro Marini- che è stato reso possibile grazie alla mobilitazione di centinaia di volontari che, nonostante il giorno di festa, particolarmente sentito in molte realtà picene, si sono messi a disposizione del partito dedicando tempo e passione. Ma ovviamente non ne siamo stupiti, il popolo del Pd è solito rispondere in massa e con dedizione agli appuntamenti. Soprattutto in una fase delicata e importante come quella appena conclusa. Ringraziamo Maurizio Martina e Roberto Giachetti per l’impegno profuso e non possiamo che augurare al nostro neoeletto segretario, Nicola Zingaretti, che ha ottenuto il 68.2% nella provincia, un grande in bocca al lupo.S iamo convinti che questa grande investitura popolare rappresenterà il primo passo verso la rinascita del nostro partito e di tutto il centrosinistra, a livello locale e nazionale. Il popolo delle primarie è stato chiaro, ci sono una richiesta e un profondo desiderio di unità e cambiamento che sta a noi interpretare e realizzare».

«Il centrosinistra unito può vincere -concludono i dem- rappresenta una valida e credibile alternativa alle destre e si candida a guidare sin da subito sia le realtà locali che andranno in questa primavera al voto che il Paese. Le grandi partecipazioni alla manifestazione di ieri a Milano e di oggi alle primarie sono un chiaro segnale che il castello di bugie, false promesse e continui rinvii del governo giallo verde inizia a scricchiolare e che una nuova stagione di diritti e ripresa economica per il Paese è possibile».

Le primarie del Pd: Zingaretti stravince nel Piceno (68,2%) Hanno votato in 4.426, tutti i risultati


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




X